Calcio, Eccellenza: il Montefiascone chiude il campionato con una vittoria

1

Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – Ultima gara di campionato di Eccellenza quella giocata tra il Montefiascone ed il Fregene sullo stadio delle Fontanelle dal fondo molto bagnato e reso scivoloso dalla pioggia abbondantemente scesa durante la notte, in una mattinata dal cielo uggioso ed una temperatura piuttosto bassa, alla presenza di circa ottanta spettatori che, nonostante la vittoria, ha sancito la discesa del Montefiascone nel campionato di Promozione almeno che non avvengano sorprese dalla classifica avulsa che comunque rimangono molto improbabili.

 

Ora è tempo di bilanci che, risultati e classifica alla mano, non sono ne confortevoli ne ammettono scusanti. Troppe le gare perdute, poche quelle vinte.

 

La gara di oggi?! Una gara vinta dal Montefiascone con un risultato indiscutibile frutto di una gioco condotto dai ragazzi di Del Canuto con accortezza, sorretti da quella buona sorte che è loro mancata in tutto il campionato. Una vittoria, comunque inutile, ai fini della salvezza; vittoria che sarebbe dovuta venire durante gli scontri diretti con il Grifone, il Montecelio, il Monterotondo, l’Atletico Vescovio, tanto per citarne alcune, e tante altre gare che il Montefiascone ha perduto, spesso, anche per inadequadezza del gioco della squadra, degli schemi praticanti in campo, senza dimenticare tanti grossolani errori dei singoli calciatori sia in area avversaria, con goal mancati, sia in difesa, con l’aver favorito la segnatura della squadra contraria.

 

Le due formazioni oggi sono scese in campo con la voglia di vincere, soprattutto quella locale, con l’acqua alla gola e volenterosa di dare una piccola soddisfazione ai propri tifosi.

 

Ne è uscita fuori, contrariamente a tante altre partite, una gara entusiasmante, ricca di emozioni, con i ragazzi di Del Canuto molto impegnati e ben concentrati. Si è veduto così del bel gioco, con continui capovolgimenti di fronte, che ha prodotto la segnatura di diversi goal e mancanza di tanti altri. La formazione locale su è messa subito in luce con diverse incisive azioni d’attacco ed, all’undicesimo, è passata in vantaggio con una splendida rete di Bellacima; realizzata la rete del vantaggio, ha avuto alcuni minuti di stallo in cui non ha più inciso, mentre è venuta fuori al formazione ospite di Caputo che, al trentaseesimo, con Panella, ha riportato il risultato in parità; così al fischio di Marchioni che mandava le squadre al riposo il risultato era fermo sull’uno a uno.

 

Al ritorno in campo per la seconda frazione, i locali sembravano più concentrati e decisi a conquistare la vittoria, si spingevano in avanti ed, al secondo minuto si riportavano in vantaggio con una rete di Matteo D’Alessio e, due minuti dopo, al quinto, passavano ancora su calcio di rigore battuto da Moronti. Messo così il risultato al sicuro, la gara non ha avuto più storia anche se le due formazioni hanno seguitato a giocare a viso aperto sfiorando altre segnature; prima gli ospiti in torno al venticinquesimo su pasticciato rinvio di Bellacanzone, non nuovo a questo tipologia, poi i locali, nei minuti finali, prima con Ciobanu che, da facile posizione, tirava alto sulla traversa e Zagarella poi che, da facile posizione, a tu per tu con l’estremo difensore Esposito, calciava sul medesimo. Al triplice fischio finale tutti sotto la doccia con la vittoria del Montefiascone per tre ad uno.

 

Ormai, comunque, è inutile recriminare, la posizione in classifica è chiara e parla da sola, i punti conquistati sono quelli che sono, contro i quali ogni disquisizione si ferma, è puro accademismo e cade nel vuoto; causalità ed episodi oggi non sono più una scusante. Squadra, Tecnico e, perché no, Dirigenza, per la delusione di tutti i tifosi, non sono stati all’altezza di mantenersi nella categoria. Ora è tempo di sciogliere le file per poi risentirci nella prossima stagione indipendentemente dalla categoria in cui si troverà la squadra del colle vulsineo.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.