Tarquinia, partiti i lavori per gli attraversamenti pedonali rialzati in via Aldo Moro

0

 

TARQUINIA – «Il discorso del rallentare la velocità dei veicoli e della sicurezza dei pedoni nelle vie cittadine andava affrontato anche a Tarquinia.

Lo abbiamo iniziato a fare nei mesi scorsi con l’installazione dei primi attraversamenti pedonali rialzati in via delle Croci, alla Circonvallazione Vincenzo Cardarelli, in via delle Rose, viale della Repubblica, via Tirreno e sulla strada Vecchia della Stazione e ora proseguiremo». Così l’assessore Anselmo Ranucci, che annuncia l’inizio della seconda fase dei lavori per nuovi attraversamenti pedonali rialzati. «Abbiamo aperto il primo cantiere in via Aldo Moro, che, oltre alla realizzazione degli attraversamenti all’incrocio con via Filippo Turati e di fronte al parco dei cani, vedrà la messa in sicurezza dell’intersezione con via Ugo La Malfa. – prosegue l’assessore Ranucci – Gli altri interventi interesseranno via delle Croci, via IV Novembre, la circonvallazione Vincenzo Cardarelli e la strada Montarozzi Marina». Gli attraversamenti pedonali rialzati sono stati apprezzati dai cittadini tarquiniesi, che ne hanno evidenziato l’effettiva utilità, rispetto ad altre soluzioni come gli “occhi di gatto” o i semafori lampeggianti.

«In tante città europee sono presenti e in molte città italiane ci sono. – prosegue – La sicurezza non è mai troppa. Chi, pochi, protesta e afferma che sono inutili, rovinano le auto, rallentano i mezzi di soccorso, voglio ricordare che la vita di una persona non ha prezzo e i soldi investiti in ”Tarquinia sicura” sono ben spesi fino all’ultimo centesimo. Per realizzare un attraversamento sono necessari un’ordinanza e un piano studiato da tecnici, con dei costi non trascurabili di progettazione, messa in opera e segnaletica. Abbiamo fatto molto negli anni, non ultimo la definitiva sistemazione dell’ingresso dell’IISS “Vincenzo Cardarelli”, con la consapevolezza che c’è ancora tanto da fare, perché esistono altri tratti critici su cui intervenire».

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.