ACQUAPENDENTE – Nella mattinata odierna il Comando della Compagnia Carabinieri di Montefiascone ha dato esecuzione a specifici dettagliati servizi tesi a prevenire la commissione di reati predatori e controllare lo stato di conservazione del paesaggio. Attraverso un pianificato controllo del territorio sono stati identificati persone che destavano sospetto, ispezionati veicoli, contestate varie infrazioni al Codice della Strada.

In particolare, la Stazione Carabinieri di Montefiascone, traeva in arresto un sessantenne del posto in esecuzione di un ordinanza di detenzione domiciliare emessa dal tribunale di Roma perché autore del reato di oltraggio a Pubblico Ufficiale;

La Stazione Carabinieri di Acquapendente, a seguito di specifica attività di indagine richiedeva e otteneva dalla Procura della Repubblica di Viterbo una misura cautelare nei confronti di un cittadino straniero venticinquenne, che nei giorni precedenti nel corso di una lite aveva procurato gravi lesioni personali ad un cittadino italiano.

Inoltre con l’ausilio di un velivolo messo a disposizione dal Nucleo Elicotteri Carabinieri Roma – Urbe, il Capitano Antonino Zangla e l’equipaggio, hanno effettuato un volo operativo- ricognitivo su una vasta porzione di territorio dell’Alta Tuscia al fine di esperire alcuni riscontri specifici connessi all’ambiente e più in generale per verificare la corretta conservazione dell’attraente paesaggio lacuale.

In particolare è stata sorvolata l’area dei Comuni di Montefiascone, Bolsena, San Lorenzo Nuovo, Acquapendente e Bagnoregio, dove è stata prestata peculiare attenzione allo stato di conservazione della Civita, lo straordinario Borgo candidato come Patrimonio dell’Unesco.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email