In merito all’articolo “Acquapendente, movida selvaggia che se ne infischia a delle restrizioni Covid-19“, una giovane di Acquapendente, maggiorenne e assolutamente estranea ai fatti riportati nell’articolo, che in questi giorni ha avuto un incidente in cui ha riportato la frattura di un braccio tiene a precisare:

“Non ho niente a che vedere con il gruppo di ragazzi del giardinetto vicino al teatro Boni. Ho 25 anni e mi sono fatta male accidentalmente sabato 23, scivolando da un muretto, non ho assunto alcolici al bar e non ero insieme a un gruppo di persone, bensì eravamo in due, io e mia cugina. Oltre a questo, non vedo cosa c’entrino i presunti danni che hanno fatto altre persone con il mio avvenimento”.