ACQUAPENDENTE – Riceviamo una nota di Giordano Sugaroni che di seguito pubblichiamo: “Aquesionet (sito istituzionale del Comune di Acquapendente) ospita a partire da Mercoledì 5 Aprile i contenuti principali del progetto ALI (Alleanza Locale per l’Innovazione).

” In conformità con il mandato del Ministero della Funzione Pubblica” si sottolinea, “ha l’obiettivo di ridurre il divario digitale, supportando gli enti locali nell’accesso ai servizi di e-government, nell’acquisizione di know-how e nello scambio di buone pratiche. Il progetto, fornisce agli enti aderenti software gestionali e servizi, formazione per il loro utilizzo, assistenza tecnica e informatica. Gli applicativi resi disponibili dal progetto ALI per gli enti aderenti sono di proprietà di Aliviterbo e sono sviluppati in software open source. I servizi disponibili sono tutte applicazioni web e nella fattispecie una catalogazione documentale, un servizio per la ricerca dei Veicoli Rimossi, un servizio per la ricerca di Oggetti Smarriti ed un servizio per la richiesta di atti all’ente di appartenenza. I comuni e gli enti locali del territorio provinciale che intendessero aderire ad ALI devono sottoscrivere un Protocollo Attuativo, che definisce le modalità operative per la governance del progetto e per l’erogazione dei servizi”.

A dare il benvenuto ai visitatori nel sito aquesiano è il Presidente della Provincia di Viterbo Mauro Mazzola : “Lo sviluppo del territorio della nostra provincia non può prescindere dall’innovazione tecnologica e l’Alleanza Locale per l’Innovazione promossa dalla Provincia di Viterbo vuole essere un primo significativo passo verso una maggiore efficienza nei rapporti tra gli enti pubblici del territorio, i cittadini e le imprese.

La necessità, oggi più che mai, di mettere in rete le risorse e i servizi disponibili spinge la Provincia di Viterbo, quale ente capofila del progetto, e i Comuni aderenti a rinnovare il proprio impegno per elaborare politiche attive di e-government e rendere disponibili servizi concreti anche agli enti di dimensioni minori.

La gestione associata dei sistemi informativi e delle infrastrutture tecnologiche la via principe per assicurare miglioramenti nell’erogazione dei servizi da parte dei piccoli Comuni nei confronti dei cittadini, delle imprese e del territorio, per promuovere economie di gestione tecnologie dell’Informazione, per favorire un miglioramento complessivo dei processi in un contesto di cooperazione tra le pubbliche amministrazioni.

Le opportunità che l’iniziativa ALI offre ai Comuni e alle reti territoriali, grazie anche al contributo attivo della Regione Lazio, sono notevoli.I Comuni, aderendo all’ALI, potranno usufruire di un catalogo di servizi in progressivo ampliamento, orientati a migliorare l’operatività degli Uffici e dei Servizi come ad aprire a cittadini e imprese nuovi canali di interazione on line con i Comuni.

I cittadini e le imprese hanno un ruolo centrale in questo processo come utenti ultimi di tutti i servizi ma anche come stimolo nei confronti degli amministratori locali. Consideriamo le infrastrutture digitali importanti al pari di quelle materiali e il benessere futuro delle nostre comunità dipende anche dalla convinzione con cui si investirà in questa direzione.Crediamo sia necessario fare un passo in avanti nel rapporto tra istituzioni e nuove tecnologie e l’ALI Viterbo, con i suoi servizi, è solo il primo decisivo passo. Ai cittadini chiediamo di accompagnarci in questo percorso”.

Commenta con il tuo account Facebook