ACQUAPENDENTE – Nell’ambito delle seconda riunione del mese di Novembre, l’Associazione “Nuova Acquapendente” discute ad approva un documento dal titolo “Fare uscire Acquapendente dall’isolamento”.

“E’imperativo”, sottolinea l’incipit, “ce lo chiedono i nostri figli. Più volte ci siamo occupati della necessità di porre in essere ogni necessaria azione per fare uscire Acquapendente dal grave isolamento in cui è venuta a trovarsi. Lo abbiamo, in particolare, fatto alla luce della revisione delle rete stradali di interesse nazionale e regionale, fra cui il Lazio e la Cassia.

Lo abbiamo fatto alla luce dell’accordo intervenuto fra i Comuni di Bagnoregio, Bolsena ed Orvieto. Lo abbiamo fatto alla luce delle notizie sull’ammodernamento della ferrovia Roma Nord, del completamento della trasversale Orte-Civitavecchia, delle prese di posizione degli Organi Sindacali, degli interventi sulla ferrovia Roma- Viterbo. Abbiamo preso atto dell’appello del Movimento Cinque Stelle per smuovere la Società della Regione che deve occuparsi della manutenzione della Cassia. Rivolgemmo invito alla Giunta comunale di Acquapendente di elaborare una propria proposta da offrire all’analisi e valutazione della cittadinanza, per uscire dal buio pesto dell’isolamento in cui il paese è venuto a trovarsi.

Avevamo anche fatto riferimento alla proposta del Consiglio comunale di Acquapendente, d’intesa con altri Comuni interessati, per dare una caratteristica prettamente turistica alla Cassia, ora strada ritornata statale, che attraversa tutta la Provincia, in modo da uscire dall’isolamento e reinserirsi in un circolo sia turistico che commerciale. E’ passato tanto tempo, ma non ci risultano azioni da parte della Giunta comunale, forse troppo impegnata a fare mutui e vendere parcheggi. Rinnoviamo, pertanto, invito alla maggioranza ed alla minoranza, alle forse sindacali (chiediamo alla CGIL che fine ha fatto il promesso incontro di verifica sull’Ospedale ?), alle forze imprenditoriali di mobilitarsi, agire con urgenza, evitare che Acquapendente, dopo essere stata la vera perla dell’Alto Lazio, soccomba sempre più. Altrimenti dove potremo trovare il coraggio di guardare negli occhi i nostri figli !!”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email