CANINO – Strada dell’Olio DOP Canino con il supporto di ARSIAL – Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio, in collaborazione con il Comune di Canino ha organizzato il Convegno “STORIA, CULTURA, TERRITORIO: strategie ed opportunità di valorizzazione dell’olio extravergine del Lazio” nell’ambito della XLV Assemblea Nazionale delle Città dell’Olio, che ha portato nella città di Canino il 9 dicembre 2017 i delegati delle 325 Città dell’Olio presenti in Italia. È stata un’occasione per riflettere sulle strategie e le opportunità di valorizzazione e promozione dell’olio extravergine, a partire dalle produzioni tipiche del Lazio, attraverso il coinvolgimento del mondo istituzionale, imprenditoriale ed esperti del marketing del territorio e agroalimentare.

In particolare, l’evento ha seguito il seguente programma:

Al Convegno, iniziato alle 9:30 presso il Teatro Comunale, hanno portato i loro saluti Enrico Lupi, Presidente Associazione nazionale Città dell’Olio, Lina Novelli, Sindaco di Canino, Marco Marinangeli, Coordinatore Regionale Città dell’Olio Lazio, e Domenico Merlani, Presidente CCIAA Viterbo.

È stato poi riservato lo spazio alle relazioni degli esperti. Carlo Cambi, esperto marketing del territorio e agroalimentare che è intervenuto sul tema “Dal paesaggio al turismo, l’ulivo (e l’olio) moltiplicatore di valore”, cercando di rispondere ad una domanda molto complessa e cioè: in questo momento quale scelta è più giusto fare in olivicoltura, produrre a valore o produrre a prezzo?

È seguito l’intervento di Antonio Rosati, Amministratore Unico ARSIAL Lazio su “Promozione dell’olio extra vergine laziale – politiche e strategie da mettere in campo”, che invece ci ha permesso di ragionare sulla necessità di cooperare per competere, in un ottica sinergica che permetta alle tante realtà di piccole e medie imprese del Lazio con il supporto delle Istituzioni di affermarsi nei mercati internazionali. Di qualità del cibo e qualità dell’ambiente, ha parlato il giornalista enogastronomico Stefano Polacchi che ci aiutato a capire se e come la cultura dell’extravergine può aiutare il territorio e la sua economia, lanciando tra le altre la proposta di olio IGP Italia come lo strumento unificato per la promozione dell’olio extravergine italiano, pur nella sua molteplicità delle caratteristiche territoriali regionali, sotto un unico marchio distinguibile al livello internazionale. Infine David Granieri, Presidente UNAPROL, ha fotografato le opportunità di mercato olio extravergine e le prospettive per l’olio evo laziale, in una dimensione internazionale, dove cresce la domanda e le imprese olivicole devono farvi fronte, puntando sulla unicità del made in Italy. Il Convegno, moderato da Antonio Balenzano Direttore dell’Associazione nazionale Città dell’Olio, si è concluso con gli interventi dell’on. Alessandra Terrosi della Commissione Agricoltura, che ha illustrato l’attenzione data dal governo al tema dell’olivicoltura e all’approvazione del Piano Olivicolo Nazionale, oltre a lanciare la necessità di evitare la frammentazione, e dell’on. Alessandro Mazzoli della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici, che ha sottolineato la necessità di rafforzare la produzione dell’olio – prodotto di eccellenza del territorio laziale – nell’ottica più vasta del sistema paese. Il Presidente Enrico Lupi ha concluso il Convegno.

All’evento hanno preso parte i rappresentanti delle associazioni di categoria, delle istituzioni locali, giornalisti e produttori, oltre ai delegati delle Città dell’Olio

Nel pomeriggio, la XLV Assemblea Nazionale delle Città dell’Olio si è svolta presso la Sala Convegni della Strada dell’Olio DOP di Canino.

L’organizzazione dell’evento ha previsto l’ospitalità per i soci delle Città dell’Olio, la preparazione del materiale (totem, cartelline, programma, slide, banner per i social networks, manifesti), allestimento della sala del convegno e compenso per un relatore

Commenta con il tuo account Facebook