CAPRAROLA – Torna un altro atteso appuntamento della rassegna Esodi a Caprarola. Dopo le conferenze con Yvan Sagnet, Lucio Caracciolo, il prefetto Mario Morcone, Fulvio Vassallo, Stefano Liberti, gli attivisti di MEDU e tanti altri ospiti, stavolta il dibattito si arricchisce di musica e cinema nella due-giorni dedicata alla giornata mondiale del rifugiato.

Sabato 17 e domenica 18 giugno Esodi si intreccia, infatti, con lo Sguardo Selvaggio, rassegna cinematografica organizzata da Legambiente Lago di Vico che ha ottenuto il patrocinio e il sostegno della Regione Lazio.

Si parte sabato 17 al Teatro delle Ex Scuderie Farnese alle ore 17 con proiezioni, musica, degustazioni e mercato di artigiani migranti e produttori biologici. Alle ore 20 cena multietnica preparata dalle comunità albanese, rumena e marocchina di Caprarola. A chiudere la serata, l’intervento di Yvan Sagnet sul progetto NO CAP e l’attesissimo concerto di Sandro Joyeux e Inoussa Dembelé, sempre al teatro delle Ex Scuderie.
Sandro Joyeux, musicista vagabondo, di mamma francese e papà italiano getta un ponte tra la canzone francese e i ritmi del mondo, mescola musica di viaggi, di danza e di condivisione. Un concerto ad ingresso gratuito assolutamente da non perdere.

Il giorno dopo, domenica 18 giugno, sempre alle 17 si parte con la proiezione di “Les Sauteurs”, documentario straordinario che racconta la vita dei migranti ammassati a Melilla, alle porte d’Europa, attraverso gli occhi di uno di loro.

A seguire – e a chiudere l’intenso weekend di iniziative – dibattito con il giurista Fulvio Vassallo, la giornalista Flore Murard, Flavia Calò per Medici per i Diritti Umani (MEDU) e Vittorio Cogliati Dezza della segreteria nazionale di Legambiente, moderati da Fabrizio Giometti di Legambiente Lago di Vico.

Oltre proprio a Legambiente, tantissimi altri cittadini, volontari, attivisti e molte associazioni tra cui Amistrada, Arci Viterbo e la neonata “Le città invisibili” hanno aderito al progetto che, nelle intenzioni degli organizzatori, dovrebbe chiudere il ciclo di iniziative della rassegna “Esodi”.

Gli organizzatori

Commenta con il tuo account Facebook