Una 42° edizione insolita, per collocazione in calendario, ma non per questo meno bella ed affascinante delle precedenti.

Una partecipazione logicamente meno di massa, ma pur sempre ragguardevole e rappresentativa di tutto il grande movimento podistico del centro Italia.

Una grande gioia tra organizzatori, partecipanti ed istituzioni in questa domenica di maggio inoltrato con temperature che sono arrivate a superare ampiamente i 25 gradi.

Partenza alle ore 08.30, puntuali come da tradizione, da Castel Sant’Elia, nella nuova location di fianco al Santuario Madonna ad Rupes, decisamente più ampi gli spazi e con i parcheggi auto molto più vicini alla partenza/arrivo della gara.

Pochi minuti, giusto una decina ed a Nepi un terzetto, Domenico Liberatore, Mauro Massimi e Matteo Giacomelli ha decisamente preso il comando delle operazioni lasciando dietro il resto del gruppo, dove tra le donne prendeva il comando Paola Salvatori.

Situazione immutata per molti km, fino al punto più basso del percorso, quando deve iniziare la famosa salita dei Millecori, dopo aver già superato tre ristori ed uno spugnaggio decisamente graditi ed organizzati, in un tracciato per molti tratti ombreggiato e chiuso al traffico. Complimenti davvero alle Forze dell’Ordine, Polizia Stradale, Polizia Locale, Carabinieri e Volontari della Prociv 2011 dei Comuni di Castel Sant’Elia, Nepi e Civita Castellana per il professionale lavoro e la concreta attenzione a questa gara che è la storia del podismo regionale. Giusto e doveroso menzionare anche i volontari della Croce Rossa locale che con oltre 40 elementi hanno seguito ogni evoluzione e prestato aiuto dove necessario, unitamente alle sezioni di Nepi e Castel Sant’Elia dell’Avis. Un lavoro d’insieme, tra Associazioni, Istituzioni ed Atletica Nepi che ogni anno, ad ogni edizione centra il risultato.

Quindi, sulla salita dei Millecori, Massimi prova a forzare i ritmi, Giacomelli aveva perso un po’ di terreno lungo la discesa, arrivando a prendere circa 50 metri. La svolta c’è nei due km finali, dove Liberatore prima riesce a ricucire e poi a staccare di quei pochi secondi Massimi per iscrivere il suo nome tra i vincitori della Maratonina dei 3 Comuni, in 1h19”17. La Salvatori vince con 1h31”24 e fa il tris.

Tra le società la prima è ASD Piano ma Arriviamo, che per due punti supera gli Amatori Villa Pamphili, terzi sono il GSB Run, poi l’Alto Lazio di Civita Castellana e quindi la Podistica Solidarietà.

Alle premiazioni ufficiali, alla presenza delle Autorità Pubbliche e Sportive, sono stati consegnati dei Premi speciali consegnati alla sempre sorridente Sara Vargetto, bellissima e graditissima presenza alla gara edizione 42, e poi a Daniele Zalabra, la Targa Memorial Pazzetta Gianfranco e la Coppa Alberto Sacchi.

La Maratonina dei 3 Comuni è organizzata dalla ASD Atletica Nepi, sotto l’egida della Fidal ed il patrocinio del CONI e dei Comuni di Castel Sant’Elia, Nepi e Civita Castellana.

Appuntamento alla 43°, a fine gennaio 2023.

Articolo precedenteOrdine dei Medici di Viterbo, terza edizione consegna borse di studio Elena Rolfo
Articolo successivoLa prima Maestra non si dimentica mai