Gennaro Giardino

VETRALLA  “Allarme sulla Cassia: migranti in bicicletta di sera senza luci. I responsabili che li gestiscono li dotino di abbigliamento idoneo e luci – dice Giardino. Ho pubblicato un recente articolo dove segnalavo la pericolosità degli immigrati che passeggiano lungo la Cassia e ho chiesto di dotarli di pettorina catarifrangente, di notte non si riescono a vedere, pochi giorni fa all’altezza di pian di San Martino un giovane migrato è stato investito e trasportato in ospedale in gravi condizioni, ora li vediamo passeggiare in bicicletta a gruppi senza luci e invadono la carreggiata, qualcuno non è neanche capace di guidare la bicicletta”.

Giardino tiene a sottolineare il pericolo e lancia un appello alle autorità locali per intervenire in tempo: «I responsabili dei ragazzi immigrati, presenti nel territorio della Tuscia, li dotino di abbigliamento idoneo, visibile anche al buio e soprattutto di biciclette complete di fanali anteriori, posteriori e luci ad intermittenza qualcuno non è ingrato di guidare una bicicletta, insegnate a loro il codice della strada».

Chiude Giardino dicendo: “La bicicletta è il mezzo più agevole per spostarsi, peccato che nessuna sia dotata di una luce che segnali, soprattutto nelle ore serali, la presenza”.

Questo rappresenta un pericolo non solo per i giovani migranti che usano le due ruote per spostarsi anche di sera, ma un rischio anche per gli automobilisti.
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email