Nella scorsa settimana personale della Squadra Mobile della Questura di Viterbo ha proceduto all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un giovane viterbese per “rapina pluriaggravata, ricettazione e porto abusivo in luogo pubblico di arma comune da sparo”.

L’uomo prese parte, unitamente ad altri 6 complici già assicurati alla giustizia, alla rapina avvenuta nel capoluogo il 12 luglio 2021 in danno di una guardia particolare giurata alla quale vennero sottratti, con violenza, l’arma di servizio ed una borsa contenente oltre 43mila euro, frutto dell’incasso poco prima prelevato da alcuni esercizi commerciali.

L’indagato è stato associato presso la casa circondariale “Mammagialla” di Viterbo.

Si chiude così il cerchio intorno al gruppo criminale che perpetrò la violenta rapina la scorsa estate, grazie all’intensa attività investigativa operata dai poliziotti della Squadra Mobile, coordinati dal dott. Alessandro Tundo, che ha consentito la cattura di tutti componenti della banda.  

Articolo precedenteAnna Falchi madrina alla Festa delle Ortensie di Bolsena
Articolo successivoLa magia dei ricordi, l’estate valleranese inizia con una serata dedicata al maestro Giuseppe Gradini