Guardia di Finanza, scovati 39 evasori totali e paratotali (foto)

0

Svolta la cerimonia per il 241° anniversario del Corpo. Illustrate le attività delle fiamme gialle nei primi cinque mesi del 2015

 

VITERBO – Sono trascorsi 241 anni da quel lontano 1774 quando, per volontà re di Sardegna Vittorio Amedeo III, venne costituita una “Legione Truppe Leggere”, primo esempio di un Corpo speciale istituito ed ordinato appositamente per il servizio di vigilanza finanziaria e per la difesa militare dei confini.

 

Anche quest’anno i finanzieri viterbesi hanno voluto ricordare l’Anniversario di fondazione della Guardia di Finanza con una sobria cerimonia tenutasi all’interno della caserma “Ten. Eudo Giulioli” sede del Comando Provinciale. Nell’occasione sono stati consegnati i riconoscimenti ai militari che si sono maggiormente distinti in operazioni di servizio che vanno dal contrasto al traffico illecito e dello spaccio di sostanze stupefacenti, all’attività di polizia giudiziaria con l’accertamento di ingenti somme sottratte dalle casse di un ente pubblico, alla contraffazione, alla pirateria audiovisiva e tutela del patrimonio archeologico.

 

Durante il suo intervento il Comandante Provinciale – Col. Alfonso Amaturo – ha posto l’accento sull’attuale significato di sicurezza che oggi comprende tutti quei fenomeni che incidono sulle libertà fondamentali sancite dalla nostra Costituzione quali, tra le altre, la libertà negoziale e d’impresa, il corretto funzionamento dei mercati, del risparmio e la leale concorrenza.

 

E’ in questa ottica che la Guardia di Finanza, quale forza di polizia a competenza specifica, è destinata a presidiare le esigenze di sicurezza economica e finanziaria del Paese, in quanto presupposto indispensabile per il benessere e lo sviluppo dell’Italia e dell’Unione Europea. Il Corpo, in particolare, opera secondo precise direttive strategiche attuate mediante l’esecuzione di piani operativi di respiro nazionale nel campo del: contrasto all’evasione ed elusione fiscale, che produce effetti negativi per l’economia, ostacola la concorrenza tra le imprese, danneggia le risorse economiche dello Stato ed accresce il carico fiscale per i cittadini onesti; contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica, con l’accento investigativo nei confronti dei fenomeni di spreco di denaro pubblico (sia esso nazionale o comunitario), di mala gestio della cosa pubblica anche mediante la repressione di condotte illecite più gravi rappresentate dai reati corruttivi per il rilancio dell’economia e per garantire, quindi, migliori condizioni di vita per tutti; contrasto a tutti i fenomeni di criminalità economica e finanziaria che danneggiano l’economia e minano la sana concorrenza tra imprese, quali il riciclaggio, la contraffazione, l’usura, la criminalità organizzata, la sicurezza dei prodotti e la tutela del “made in Italy”; concorso al mantenimento della sicurezza interna ed esterna del Paese, con particolare riguardo alla lotta all’immigrazione clandestina, ai traffici illeciti di sostanze stupefacenti, armi e rifiuti pericolosi.

 

Il Colonnello Amaturo dopo aver ricordato i più che positivi risultati conseguiti dai finanzieri del Comando Provinciale nel corso dell’anno 2014, ha tracciato un primo sommario bilancio dei risultati conseguiti in questi primi cinque mesi del 2015, che hanno già visto l’esecuzione di oltre 1.200 interventi tra verifiche, controlli, indagini ed accertamenti di vario genere nei confronti di oltre 1.500 persone. Tra questi in particolare. Sono stati scoperti e segnalati 39 tra evasori totali e paratotali, soggetti sconosciuti al fisco ovvero che per diverse annualità hanno omesso il pagamento delle imposte, con grave danno per l’Erario e la società. 15 soggetti sono stati segnalati alla competente Autorità giudiziaria per reati fiscali.

 

I controlli effettuati per verificare la regolare emissione di scontrini e ricevute fiscali hanno visto particolarmente impegnati i finanzieri del Comando provinciale. E’ stato in particolare accertato che un soggetto su cinque controllati non ha emesso il prescritto documento fiscale. Il contrasto alla piaga del lavoro nero ed irregolare ha consentito la scoperta di 307 tra lavoratori non assunti o assunti in modo irregolare, favorendone la successiva regolarizzazione. Sono state infine avanzate proposte di sequestri per un valore di oltre 4.000.000 di euro.

 

DSC_2342

 

Sono proseguite anche quest’anno le attività di indagine nel campo della spesa sanitaria e delle prestazioni sociale agevolate: 17 gli interventi eseguiti, con l’accertamento di violazioni di carattere penale nei confronti di 11 soggetti che non avevano diritto alle agevolazioni previsti dalla legge. In materia di spesa sanitaria, in particolare, sono stati individuati dei casi in cui i rimborsi, seppur spettanti, sono stati gonfiati per decine di migliaia di euro. Sono stati inoltre accertati oltre 40.000 di euro di danni erariali che hanno visto il coinvolgimento, a vario titolo, di 6 persone.

 

In un contesto provinciale caratterizzato da una non elevata presenza di segnalazioni di operazioni sospette, il contrasto al fenomeno del riciclaggio di denaro che, comporta una grave distorsione nell’economia legale, rappresenta uno dei principali impegni operativi del Corpo. Sino ad oggi sono state eseguite 25 interventi che hanno permesso di scoprire movimentazioni di denaro irregolari per oltre 220mila euro.

 

L’attività di polizia ambientale volta alla prevenzione e repressione degli abusi, ha consentito di operare 3 interventi con la denuncia di 3 persone per violazioni alla specifica normativa. Sono state sequestrate aree per oltre 12.000 metri quadri, 3 immobili ed ingenti quantitativi di rifiuti industriali, molti dei quali caratterizzati da elevata pericolosità in quanto contenenti amianto ed altri materiali ad elevata tossicità. Nel campo della tutela del mercato dei beni e servizi le attività svolte per la repressione del traffico dei beni con marchio contraffatto e sicurezza prodotti, la cui produzione e commercializzazione provoca considerevoli effetti distorsivi nel sistema economico finanziario, ha portato al sequestro di oltre 81.000 pezzi tra capi d’abbigliamento ed accessori vari, con la denuncia di 13 persone.

 

DSC_2371

 

A tutela dell’ordine e della Sicurezza Pubblica l’impegno profuso dai militari del Corpo, è sempre costante e trova la sua palese espressione nel controllo del territorio, svolto diuturnamente dalle pattuglie del 117. Nello specifico, sono state impiegate circa 550 pattuglie per oltre 3.300 ore di servizi di controllo economico del territorio della provincia. Un contributo importante anche nell’ottica dell’attività di prevenzione degli illeciti. Nell’ambito del contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti sono stati svolti, in questa provincia, tra l’altro, servizi di prevenzione e repressione anche nelle scuole e tra i giovani, ove maggiormente attecchisce questa piaga sociale che hanno portato a diverse segnalazioni all’A.G.. Tra di esse diverse a carico di minori. Col numero di pubblica utilità “117” i cittadini che hanno a disposizione un canale diretto di comunicazione con la Guardia di Finanza si trovano ad assumere un ruolo attivo in quella che si può definire “sicurezza economica partecipata” . Nei primi cinque mesi dell’anno sono pervenute circa 1.200 chiamate per segnalazioni, richieste di ausilio, chiarimenti e di aiuto vero e proprio.

 

Ma l’attività della Guardia di Finanza in questi primi mesi dell’anno non è stata solo di prevenzione e repressione dei fenomeni illeciti. Sono stati infatti profusi considerevoli sforzi per creare e diffondere il concetto di “sicurezza economico finanziaria” ed affermare il messaggio della “convenienza” della legalità fondamentali, stimolando nei giovani una maggiore consapevolezza del loro ruolo di cittadini e del ruolo rivestito dalla Guardia di Finanza nella tutela delle libertà economiche. In particolare, la terza edizione del progetto “Educazione alla legalità economica” promosso dal Comando generale del Corpo e dal Miur ha visto particolarmente impegnato il Comando Provinciale attraverso specifici incontri con 14 istituti della provincia per un totale di oltre 1.300 studenti delle scuole primarie e secondarie di I e II grado.

 

A conclusione del proprio intervento il Comandante Provinciale – Col. Amaturo – si è complimentato con i militari del Comando Provinciale che con professionalità, abnegazione, sacrificio ed entusiasmo combattono ogni forma di illegalità che pregiudica la sicurezza economico-finanziaria e la civile convivenza della collettività.

 

DSC_2302

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (1)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (2)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (3)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (4)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (5)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (6)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (7)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (8)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (9)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (10)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (11)

 

Foto Giancarlo de Zanet - Festa GdF 2015 (12)

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.