VITERBO – Nella serata di venerdì gli uomini della Polizia di Stato della Squadra Mobile della Questura di Viterbo hanno portato a termine una vasta operazione antidroga, finalizzata a stroncare lo scaccio di sostanza stupefacente nel capoluogo. L’attività ha consentito complessivamente di trarre in arresto due individui, di denunciarne quattro per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, nonchè di segnalarne due all’autorità amministrativa per consumo personale di droga. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati 26 gr. di cocaina, 100 gr. di hashish, 3 gr. di eroina e 15 gr. di marijuana e, oltre agli strumenti necessari per il confezionamento delle dosi, anche una Mercedes di grossa cilindrata.

 

In particolare nella serata di ieri, dopo un lungo appostamento nei pressi degli svincoli della superstrada Civitavecchia/ Orte, gli uomini della Squadra Mobile della Questura hanno intercettato, inseguito e bloccato due individui sospetti a bordo di una Mercedes. L’immediata perquisizione effettuata sull’autovettura permetteva di rinvenire, abilmente occultato nel vano motore, un involucro di sostanza stupefacente che, dai successivi accertamenti effettuati presso i laboratori della Polizia Scientifica, si è rivelata essere cocaina.

 

Portati negli Uffici della Questura, dopo le formalità di rito i due, con precedenti specifici in materia di droga, venivano tratti in arresto e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria condotti agli arresti domiciliari. La Mercedes di grossa cilindrata, sulla quale è stata rinvenuta la sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro. Nell’ambito della stessa operazione sono state denunciate quattro persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e due sono state segnalate all’autorità amministrativa. Continua incessante a Viterbo l’attività investigativa della Polizia di Stato in materia di droga, con l’obiettivo di contrastare il più efficacemente possibile un fenomeno di forte allarme sociale come quello del traffico di sostanze stupefacenti.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email