Gli uomini della Polizia di Stato della Sezione Polizia Stradale di Viterbo, nei giorni scorsi, hanno rintracciato e recuperato in provincia ben 4 autovetture e sequestrato un semirimorchio.
Nell’ordine, un autoveicolo, sottoposto a controllo su strada da parte di personale appartenente alla Squadra di P.G., ha insospettito gli operatori, poiché vi erano delle anomalie riguardo i dati matricolari del mezzo: un più approfondito riscontro permetteva, infatti, di appurare l’alterazione del numero di telaio.

Una seconda automobile controllata risultava provento di furto. Una terza vettura, invece, veniva rintracciata e recuperata dagli uomini del Distaccamento Polstrada di Monterosi sulla SR2 Cassia, lì abbandonata da alcuni banditi che l’avevano utilizzata per perpetrare una rapina in provincia di Roma.

Inoltre, a seguito di controlli mirati sulle strade del litorale della Tuscia da parte di personale appartenente al Distaccamento Polstrada di Tarquinia, veniva rintracciato, fermato e sottoposto a sequestro un semirimorchio oggetto di appropriazione indebita. Infine, durante un posto di controllo in un’arteria afferente al capoluogo, veniva intercettata un’automobile di grossa cilindrata: veniva sottoposta a sequestro e fermo amministrativo per varie irregolarità legate all’immatricolazione con targa estera.

Esperiti gli ulteriori accertamenti di rito, i vari mezzi, di ingente valore commerciale, venivano riconsegnati ai legittimi proprietari.

Tale attività testimonia come sia sempre alta l’attenzione che la Polizia di Stato di Viterbo riserva ai reati di tipo predatorio, i quali rappresentano, per la collettività, fattispecie particolarmente insidiose e deprecabili.