Riviste dei Carabinieri, l’abbonamento non viene proposto né telefonicamente, né per posta né tramite rappresentante

0

VITERBO – Sono pervenute ai comandi dei Carabinieri della città delle segnalazioni da parte di imprenditori e privati cittadini i quali ricevono telefonate da sedicenti editori che richiedono versamenti, anche consistenti, di somme di danaro per abbonamenti a riviste che si richiamano all’Arma dei Carabinieri o per la vendita di gadget e magliette che si richiamano all’Arma.

 

I Carabinieri specificano a tal riguardo che: l’unica rivista direttamente riconducibile all’Arma dei Carabinieri è il mensile “il Carabiniere” edito dall’ente editoriale dell’Arma dei Carabinieri; l’unica rivista direttamente riconducibile all’Associazione Nazionale Carabinieri (A.N.C.) è il bimestrale “Fiamme d’Argento”. Eventuali altre riviste che si richiamano all’Arma dei Carabinieri non sono ad essa in alcun modo riconducibili ma vengono pubblicate da privati senza alcuna autorizzazione da parte dell’Arma. L’Arma dei Carabinieri e l’Associazione Nazionale Carabinieri non promuovono mai nè telefonicamente nè per posta nè tramite rappresentanti o emissari l’abbonamento alle proprie riviste. In caso di dubbi in ordine al ricevimento di proposte di abbonamento a periodici mensili, si prega rivolgersi subito alla locale Stazione dei Carabinieri.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.