CIVITA CASTELLANA – Nei giorni scorsi i militari della Compagnia Carabinieri di Civita Castellana hanno dato corso ad un servizio straordinario di controllo del territorio.

L’attività, prevalentemente concentrata nelle sfere giurisdizionali tra Orte e Gallese, si è però estesa lungo i territori da Monterosi, Nepi e Castel Sant’Elia sino ad arrivare a Civita Castellana e Corchiano.

Il controllo ad ampio raggio, come riporta un comunicato dell’Arma, ha portato al deferimento in stato di libertà di cinque italiani, due dei quali per reati riconducibili alla guida in stato d’ebrezza, in quanto risultavano con un tasso alcolemico superiore ai valori consentiti, ed altri due per possesso di armi ed oggetti atti ad offendere, nello specifico un coltello a serramanico ed una mazza di legno.

Nel medesimo contesto si dava esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Viterbo, la quale concordava l’attività investigativa prodotta da questo Comando e disponeva il regime di arresti domiciliari per un cittadino italiano, autore di un incendio doloso e interruzione di pubblico servizio, per fatti avvenuti in Monterosi.

Venivano infine segnalati al competente Ufficio Territoriale di Governo, in qualità di “assuntore di sostanza stupefacente”, sette cittadini italiani e due stranieri che, a seguito di controllo e successiva perquisizione personale/veicolare, venivano trovati complessivamente in possesso di gr. 5,30 circa di sostanza stupefacente tipo hashish e di gr. 1,74 circa di marijuana.

Commenta con il tuo account Facebook