Il successo delle sigarette elettroniche dipende in gran parte dalle tecnologie innovative degli atomizzatori, elementi evoluti che consentono di ottenere effetti personalizzati in base al modello prescelto. Si tratta, in particolare, dei componenti principali delle e-cig, all’interno dei quali avviene la trasformazione del liquido in vapore attraverso il riscaldamento della resistenza.

Oggi è possibile acquistare questi prodotti online, rivolgendosi ad apposite piattaforme autorizzate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli come svapoebasta.com. Sul portale è disponibile un vasto assortimento di atomizzatori per e-cig delle migliori marche, con modelli di ogni tipologia, prezzi competitivi e un efficiente servizio di spedizione con diverse modalità tra cui scegliere.

Per ogni acquisto è possibile accumulare dei punti, con i quali ottenere promozioni e sconti partecipando ai programmi fedeltà, con un netto risparmio rispetto ai negozi fisici. La qualità è evidenziata dalle tantissime recensioni positive dei clienti, inoltre si può contattare il servizio di assistenza per ricevere consigli su quale atomizzatore scegliere: una decisione non facile, che richiede un po’ di attenzione.

Come funzionano gli atomizzatori per le sigarette elettroniche

Le sigarette elettroniche sono composte da due elementi principali, la batteria e l’atomizzatore. La prima serve per l’alimentazione, ottenendo l’energia necessaria per il riscaldamento del liquido e la vaporizzazione, mentre il secondo è il dispositivo all’interno del quale si verifica il procedimento. Per questo motivo si tratta di un prodotto essenziale, dal quale dipendono le prestazioni della e-cig e il tipo di esperienza di svapo.

Un atomizzatore presenta al suo interno alcune parti, tra cui la struttura esterna di varie dimensioni, il beccuccio dove poggiare le labbra per aspirare il vapore, il serbatoio del liquido e la resistenza, chiamata anche coil. Il funzionamento non è eccessivamente complesso, infatti di base la batteria riscalda la resistenza, la quale stando a contatto con il liquido ne aumenta la temperatura, iniziando a creare il vapore.

A questo punto non rimane che aspirare il vapore, con un risultato che sarà adeguato alle caratteristiche tecniche dell’atomizzatore. In particolare, lo svapo è legato all’orientamento del flusso d’aria, alle dimensioni dei fori e alla quantità di vapore prodotta. Ogni combinazione offre un’esperienza diversa, per questo motivo esistono così tanti modelli differenti, ognuno dei quali si adatta a delle esigenze specifiche.

Come scegliere l’atomizzatore giusto per la e-cig

La scelta dell’atomizzatore non è una decisione semplice, infatti bisogna considerare diversi aspetti. Il più importante riguarda il tipo di svapo, con opzioni di tiro di guancia e di polmone. Il primo è quello classico, simile per modalità all’inalazione del fumo di sigaretta, sebbene svapare le sigarette elettroniche riduca del 95% i danni rispetto ai prodotti di tabacco tradizionali.

Gli atomizzatori per il tiro di guancia producono una quantità di vapore contenuta, perciò funzionano bene anche con batterie poco potenti, in quanto non hanno bisogno di molta energia. Questi modelli vengono utilizzati spesso da chi vuole smettere di fumare, passando dalle sigarette normali a quelle elettroniche, diminuendo la quantità di nicotina inalata per migliorare la propria salute.

Gli atomizzatori per il tiro da polmone, invece, sono più potenti e creano molto più vapore, in quanto devono essere in grado di assicurare una spinta che arriva in profondità. L’aspirazione non è chiusa, dunque, ma diretta, con un maggiore assorbimento di nicotina, motivo per il quale questi dispositivi vengono consigliati con liquidi a bassa percentuale di nicotina o senza.

Per supportare queste prestazioni, gli atomizzatori con il tiro polmonare devono essere abbinati a batterie potenti, inoltre devono avere fori abbastanza grandi per far passare più vapore dal beccuccio. Di norma, hanno anche serbatoi più capienti, arrivando fino a un massimo di 8 ml, mentre quelli per il tiro da guancia possono fermarsi a 4/6 ml a seconda del modello.

Dopodiché, bisogna analizzare altri dettagli determinanti per la scelta, come per esempio i tank rigenerabili o non rigenerabili, il numero delle resistenze presenti e i modelli dripper senza tank.

Per capire quale atomizzatore comprare in caso di dubbi o curiosità, è consigliabile affidarsi all’assistenza messa a disposizione dalle migliori realtà del settore. Svapoebasta, per esempio, vanta un team di specialisti pronti a offrire consigli utili per individuare il prodotto più adatto alle proprie esigenze e ottenere uno svapo adeguato ai propri gusti.