Ravioli dolci di Natale

VITERBO – La famiglia riunita. Finalmente, solo la calma e il profumo della tavola. Un’atmosfera come quelle di una volta: si mettevano via per tempo i prodotti e poi, quando arrivava il momento, ci si ritrovava per preparare i dolci di Natale.

E ora la CNA di Viterbo e Civitavecchia li promuove proprio con questo spirito, per far riscoprire e riassaporare la tradizione del nostro territorio, ricchissimo di ricette sotto l’albero. Grazie al contributo di Arsial e Regione Lazio.

“Natale nella Tuscia, il gusto dolce della tradizione” arriva nei forni e nelle pasticcerie, preceduto da una presentazione venerdì prossimo, 8 dicembre, al Museo della Ceramica della Tuscia, a Viterbo.

Il pangiallo, il panpepato, i tozzetti, il pane del Vescovo, la nociata, i mostaccioli, il torrone al miele e alle nocciole, il capitone o tortiglione dolce, i ceciaroli, fino ai maccheroni con le noci: tutto parla del Natale nella Tuscia. Tutto custodito in ricette antichissime, che hanno in comune il prodotto locale, quello che restituisce il sapore di casa anche grazie a un processo di lavorazione lento, che si prende il tempo necessario.

E’ lo stesso rito dei fornai e dei pasticceri artigiani, che per sfornare un prodotto così buono ci mettono le mani, la testa e il cuore.

I dolci delle feste saranno presentati venerdì al Museo della Ceramica di Palazzo Brugiotti, grazie alla disponibilità della Fondazione Carivit e alla collaborazione della Cooperativa “Girolamo Fabrizio”. Alle 16 la proiezione dell’emotional video “Il nostro dolce sapere”, prodotto da Hubstract – Made for Art!, con riprese a cura di Stefano Fiori e Fulvio De Vita. Quindi gli interventi di Ermanno Fiorentini, presidente dell’Associazione Panificatori e Pasticceri di Viterbo, Claudio Cavalloro, presidente di CNA Agroalimentare di Viterbo e Civitavecchia, e Sara Carnevale, dietista. Con degustazione finale.

La nociata
Commenta con il tuo account Facebook