MONTEFIASCONE – A seguito delle dimissioni di Pietro Venturini da consigliere del Movimento 5 Stelle nel consiglio comunale della città di Montefiascone, varie sono le voci che risuonano sulla piazza e le opinioni che circolano tra la gente.

Abbiamo avvicinato il diretto interessato che, molto gentilmente, ha accettato di dialogare con noi per far chiarezza sull’accaduto e per chiarire quanto serpeggia tra la gente.

Dimissioni per motivi di studio; dimissioni per motivi personali di altro genere come problemi con il Movimento; dimissioni per le vicende non del tutto positive che si stanno sviluppando in torno a Villa Serena; Dimissioni per potersi candidare alle Elezioni Europee.

Sig. Venturini, queste le diverse voci che riguardano le sue dimissioni da consigliere comunale; lei cosa può dirci sui singoli punti?!
L’uso o meglio l’abuso di Motivi Personali nascondono vari giochi anche di ordine politico, intrichi ed altre problematiche che escludono in modo categorico, senza il minimo dubbio e non rientrano nel mio modo di fare e portare avanti l’impegno politico.

Dimissioni per le vicende di Villa serena! Voi votaste contro i nuovi, cosi detti, patti para sociali!

Siamo stati sempre coerenti; torno a ribadire che, come Movimento, siamo per le strutture di pubblico interesse affidate alla gestione pubblica e non a quella privata, quindi, noi non votammo contro i patti para sociali in se e per se, anzi partecipammo alla loro nuova stesura, ma abbiamo votato contro l’eccessivo peso del privato in questa struttura; quindi voto, coerentemente, voto che riconfermerei in ogni occasione. Voto a favore del non rinnovo dei nuovi patti sociali. La posizione del Movimento 5 Stelle su Villa Serena è una scelta ed una vera e propria posizione politica.

Dimissioni per futura candidatura europea!
Questa è un a vera e propria elucubrazione di qualcuno. Il regolamento interno del Movimento, su questo, è categorico. Non si può mai rinunciare ad un incarico politico conseguito con voto degli elettori in vista di possibile candidatura ad uno di valore ed interesse superiore.

Dimissioni per motivi di studio! rimane solo questa verità!
Si questo è il vero motivo delle mie dimissioni. Dopo aver conseguito la laurea breve, triennale, in Scienze politiche, ora mi è capitata l’occasione di poter fare il resto del percorso universitario della specializzazione sulle Relazioni Internazionali alla LUISS e quindi non me lo sono fatto scappare. Una università, prestigiosa, un corso a numero limitato; opportunità che non potevo assolutamente farmela scappare, anche per aumentare il mio personale livello culturale e conquistare una più elevata competenza nel mondo della politica. Come avrà potuto comprendere, non ci sono altri problemi. Deve tener conto che lascio una realtà politica che ho costruito io, quindi vi è un certo rammarico lasciare, ma quanto vado a conseguire è superiore a quanto lascio. Sono poco dispiaciuto, in questa scelta, perché lascio lo scanno comunale nelle buone mani di Rosita Cicoria che è una garanzia, all’interno del consiglio comunale, saprà portare avanti la strategia politica del Movimento, nel migliore dei modi e, al tempo stesso, saprà gestire e guidare il gruppo con altrettanta competenza ed autorevolezza”.

Possiamo, quindi concludere, dicendole, in bocca al lupo! Certamente si, e che il lupo crepi.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook