“Unione della Tuscia pronta ad accogliere Massimiliano Sambin”

0

VITERBO – “Apprendo dalla stampa locale che Massimiliano Sambin non fa più parte di FdI-AN e ammetto che questo avvenimento mi coglie di sorpresa.

Non conosco i motivi che lo hanno spinto a tale decisione, e forse è giusto non saperli, ma quello che mi stupisce è che tutto ciò avvenga a pochissimi giorni dall’inizio della campagna elettorale.

 

Tra le cose che conosco su Montefiascone e delle quali sono certo, è che è proprio grazie al lavoro certosino portato avanti quotidianamente da Massimiliano sul colle Falisco se in questi sventurati anni di Giunta Cimarello c’è stata un’opposizione costante e decisa, anche se sempre ordinata e rispettosa nei modi e nei termini. Forse fin troppo.

 

A mio avviso è stato l’unico esponente di destra che in questi anni ha dato un segnale forte, essendo stato l’unico ad averci sempre messo la faccia in ogni situazione (positiva o negativa) che si sia sviluppata sul territorio.

 

Pertanto, umilmente, mi permetto di sottolineare che forse è la persona che meglio avrebbe saputo svolgere un ruolo politico primario, ove per ruolo politico sia da intendersi opposizione, conoscenza dei problemi, degli atti amministrativi e vicinanza ai cittadini (cosa molto rara a vedersi in tempi come quelli che stiamo vivendo).

 

Tutte queste cose sono perfettamente in linea con le ragioni che ci spinsero, due anni fa, a creare l’Unione della Tuscia.

 

Non so se Sambin abbia definitivamente deciso di abbandonare la politica militante, ma non ho problemi ad affermare che se avesse un ripensamento, la nostra casa per lui è aperta; per l’elementare ragione che persone come lui sul territorio e in politica devono rimanerci per dare un segnale forte ai cittadini, che grazie ad esempi del genere stanno tornando a capire che almeno a casa nostra, volendo si può cambiare. E la volontà è la prima delle vittorie”.

 

Umberto Ciucciarelli (foto)
Unione della Tuscia – Coordinamento provinciale

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.