Sen. Francesco Battistoni

«Avevamo promesso collaborazione ma non obbedienza. Oggi alcuni emendamenti delle opposizioni sono stati ritenuti inammissibili. Orbene, fra questi, il governo ha ritenuto inammissibile la mia proposta di permettere a pensionati e studenti, compatibilmente con i loro impegni formativi, di svolgere prestazioni agricole di lavoro accessorio, così come la possibilità di reperire fra i percettori di reddito di cittadinanza la manodopera necessaria. Siamo al paradosso: l’agricoltura deve continuare a lavorare per sostentarci tutti, riempire gli scaffali dei supermercati e nessuno risponde al grido di allarme delle associazioni di categoria che lamentano scarsità di lavoratori.

Mi chiedo allora se il governo abbia veramente intenzioni di far partire la fase 2 del Reddito di cittadinanza, visto che non gli si può proporre di fare un lavoro onesto o stia solo prendendo in giro il Paese. E ancora, come pensano di aiutare l’agricoltura se non è data a nessuno la possibilità di avvicinarsi ai campi?

Le risorse alimentari rischiano di deperire sui campi se non agiamo subito, ma a quanto pare, è questo l’obiettivo del governo. Distruggere le risorse alimentari e far fallire le imprese. Mi auguro ci sia un celere ripensamento prima che la situazione degeneri in maniera irreversibile».

Così in una nota il Senatore Francesco Battistoni responsabile nazionale agricoltura di Forza Italia e commissario azzurro nelle Marche.