VITERBO – “Ho avuto modo di leggere le dichiarazioni del Consigliere Comunale Filippo Rossi che, francamente trovo a dir poco offensive.

 

Parlare di un consiglio comunale straordinario sulla sicurezza, richiesto dall’opposizione, come “fuffa populista” è fuori luogo e gravemente irrispettoso nei confronti delle famiglie coinvolte nei gravissimi episodi verificatisi nel mese di settembre nella nostra città.

 

Voglio ricordare al collega Filippo Rossi che sabato scorso alle porte della città ha perso la vita un uomo di 43 anni ucciso a calci e pugni.

 

Forse il collega Rossi è troppo preso dalle questioni di Caffeina e ha perso la bussola su quello che succede a Viterbo durante i 365 giorni all’ anno e non soltanto nei quindici giorni della sua manifestazione preferita.

 

Il collega Rossi dovrebbe confrontarsi più spesso con il suo Assessore di riferimento Giacomo Barelli e controllare tutta la “fuffa” che la Giunta Comunale delibera.

 

Colgo l’occasione per ricordare al Consigliere, per esempio, la delibera n. 335 del 16 settembre 2013 approvata all’unanimità dalla Giunta dell’epoca, pertanto anche con il voto dell’Assessore Barelli, che riguardava una convenzione tra lo stesso Comune di Viterbo e l’Università degli Studi della Tuscia per uno studio della popolazione dei piccioni nella città per la modica spesa di € 8.000 del quale a distanza di due anni non si conosce alcun esito.

 

Questo a proposito di “fuffa”, ma è solo un esempio. Si potrebbe fare un libro sulla “fuffa” di questa Amministrazione.

 

Caro consigliere Rossi prima di parlare di fuffa in merito al consiglio straordinario sulla sicurezza, visti gli ultimi eventi, dia uno sguardo all’attività della Giunta da lei sostenuta da oltre due anni e poi potremmo riparlarne”.

 

Claudio Ubertini (foto)
Capogruppo Forza Italia

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email