ACQUAPENDENTE – “Prendiamo atto con soddisfazione che dallo scorso mese di novembre l’Ospedale di Acquapendente è nuovamente dotato di guardia anestesiologica ed elisoccorso funzionanti h24. Ciò è stato reso possibile da una continua mobilitazione che ha visto in prima fila, oltre al Comune di Acquapendente, tutti i circoli Pd della zona, riuniti nel Coordinamento dei Circoli Alta Tuscia.

 

Si tratta del primo significativo risultato dopo che nel 2010 la Giunta Polverini aveva praticamente decretato la fine dell’Ospedale di Acquapendente, senza peraltro prendere minimamente in considerazione le peculiarità della zona, visto che i paesi dell’Alta Tuscia si trovano ad una notevole distanza dall’Ospedale di Belcolle.

 

Peraltro, la chiusura aveva incentivato il flusso di “turismo” ospedaliero nei confronti dei poli delle regioni vicine, soprattutto verso l’ospedale di Orvieto, con costi in continuo aumento per la ASL.

 

Oggi, quindi, anche grazie al concreto impegno del PD a tutti i livelli, la Giunta Zingaretti ha mantenuto le promesse fatte nei vari incontri avuti, invertendo finalmente la marcia per rendere l’Ospedale di Acquapendente un punto di riferimento per tutti i cittadini dell’Alta Tuscia a salvaguardia di un bene primario come la salute”.

 

Coordinamento Circoli PD Alta Tuscia

Commenta con il tuo account Facebook