Riccardo Valentini

REGIONE – “Una giornata storica per la città di Viterbo. Una giornata che ha visto tutti uniti – Università, Comune, istituzioni, mondi della ricerca e della scuola, associazionismo, artisti – attorno al ricordo delle vittime della Shoah con la posa delle prime Pietre d’inciampo dedicate a tre ebrei viterbesi deportati ad Auschwitz nel 1944: Emanuele Vittorio Anticoli, Letizia Anticoli e Angelo Di Porto”. A dichiararlo è Riccardo Valentini (foto), capogruppo di Per il Lazio al Consiglio regionale, in merito alle pietre installate dall’artista tedesco Gunter Demnig di fronte all’abitazione da cui i tre ebrei furono strappati via e deportati nel lager per non fare mai più ritorno.

 

“Fare memoria – sottolinea Valentini – significa non dimenticare che la guerra, le stragi, le deportazioni e lo sterminio hanno riguardato anche i cittadini di Viterbo. Hanno attraversato e segnato per sempre la città con il loro portato di lutti e distruzione. Guerra, stragi, deportazioni e sterminio che si sono consumati sulla vita e le speranze di uomini, donne e bambini. La Seconda Guerra mondiale e la Shoah – prosegue Valentini – non sono stati solo una tragedia, ma anche una scelta voluta e basata su principi e valori che hanno innanzitutto rappresentato la negazione della libertà e dei diritti fondamentali dell’Uomo. Fin da subito. Il fascismo e il nazismo sono stati innanzitutto e solo questo: distruzione di tutto e di tutti. E fare memoria – conclude Riccardo Valentini – vuol dire difendere le libertà, i diritti e la nostra Costituzione”.

Commenta con il tuo account Facebook