La visita illustrativa, direttamente sul posto, è parte integrante del convegno Le Pietà di Michelangelo, in programma sabato 26 ottobre a Palazzo dei Priori

Weekend nel segno dell’arte. Al convegno Le Pietà di Michelangelo, promosso dal Comune di Viterbo e dall’Accademia Nazionale di San Luca, in programma sabato 26 ottobre alle 15, nella sala Regia di Palazzo dei Priori, farà seguito, nella giornata successiva, l’incontro a cura dello storico dell’arte Antonio Rocca, direttamente al museo civico dove è conservata ed esposta la Pietà. Dalle ore 11 alle ore 13 di domenica 27 ottobre, il professor Rocca, anche alla luce di quanto trattato nell’ambito del convegno, si soffermerà su particolari scientifici e tecnici riguardanti l’opera, il contesto in cui la stessa è stata realizzata e sui rapporti artistici tra lo stesso Michelangelo e Sebastiano del Piombo. “Per l’occasione e soprattutto per consentire la massima partecipazione a tale visita illustrativa – ha spiegato l’assessore alla cultura e al turismo Marco De Carolis – è stato deciso dall’amministrazione di concedere l’ingresso gratuito per l’intera mattinata. La visita al museo e l’illustrazione da parte di Antonio Rocca sono parte integrante del convegno dedicato alle Pietà di Michelangelo. È il prosieguo naturale dell’evento di sabato a Palazzo dei Priori. E rientra pertanto tra le iniziative organizzate e mirate alla valorizzazione e alla promozione del patrimonio storico, artistico e archeologico conservato all’interno del museo civico” (il museo civico sarà aperto al pubblico dalle ore 9 alle ore 19. L’ingresso libero sarà dalle ore 9 alle ore 13). Antonio Rocca è anche uno dei relatori del convegno di sabato 26 ottobre. Con lui, ad affrontare la pluridecennale meditazione sul tema iconografico della Pietà in Michelangelo, saranno Claudio Crescentini (La “Prima” Pietà di Michelangelo), che getterà luce su una sua scoperta, il bozzetto in terracotta della Pietà di San Pietro, e accennerà alla storia di occultamento del manufatto connessa con le vicende del circolo degli Spirituali guidati dal cardinale Pole; Lorenza D’Alessandro (La Pietà di Ragusa e le altre. Un esempio di technical art history) illustrerà invece il caso della Pietà di Ragusa, commissione ancora connessa con la cerchia del cardinale inglese e in particolare con la marchesa Vittoria Colonna; Marco Bussagli (Il tema della Pietà nell’opera di Michelangelo. Riflessioni iconografiche) si occuperà poi di ricucire l’intero discorso, fornendo un’interpretazione unitaria del tema e alcune inedite considerazioni iconografiche. Concluderà il convegno Claudio Strinati (Quanti anni ha, o dimostra, la Madonna nella Pietà di Viterbo?) che affronterà la tavola viterbese da un punto di vista inedito. Muovendo dall’età di Maria, l’insigne studioso proporrà una visuale del tutto originale. I relatori saranno introdotti e coordinati da Francesco Moschini, segretario generale dell’Accademia Nazionale di San Luca, mentre a fare i saluti istituzionali saranno il sindaco Giovanni Maria Arena e l’assessore alla cultura e al turismo Marco De Carolis.