etruria

SAN LORENZO NUOVO – Errori individuali e arbitraggi sfavorevoli. La stagione del San Lorenzo Nuovo si può riassumere con queste parole, stando alle parole del patron Natalini che fa un bilancio del campionato piuttosto altalenante della sua squadra.

Il numero uno gialloblu vede segnali di ripresa e spera fortemente in un imminente cambio di rotta, anche della buona sorte: “La squadra mi è sembrata in grande ripresa, purtroppo continuiamo a pagare i troppi errori dei singoli e alcune decisioni della terna arbitrale non sempre a nostro favore. Ad esempio, nell’ultima partita contro il Fiumicino il terzo gol loro mi è sembrato nettamente in fuorigioco”.

Il cambio d’allenatore e la campagna di mercato invernale, tuttavia, hanno dato qualcosa in più all’ambiente: “Qualche nuovo arrivato si è subito ambientato e ci darà una grossa mano – aggiunge il presidente – Penso a Baracchini, giocatore esemplare che si sacrifica e combatte: lui è sicuramente un calciatore di altre categorie. Ad ogni modo, bisogna continuare a lavorare. La squadra ha qualità e se riuscirà a metterla in sul terreno di gioco la domenica non vedo problemi per la salvezza”.

Un’ultima considerazione Natalini la fa sull’operato della società San Lorenzo Nuovo: “Non tutti i club si sarebbero comportati come noi nella situazione in cui ci siamo trovati a dicembre: penso che questa società abbia fatto il massimo, il futuro adesso è nelle mani dei giocatori che si allenano e che scendono in campo”.

Commenta con il tuo account Facebook