VITERBO – Grande festa presso la Sala Regia del Palazzo dei Priori a Viterbo gremita per il ventennale dello sci club Viterbo 97. Una viva realtà del Comitato Lazio e Sardegna, presieduta fino dalla sua nascita da Stefano Zucchi. Ma ecco il presidente: «Vent’anni di storia, di agonismo e di proposta turistica.

In una realtà come Viterbo fungiamo soprattutto come strumento per avvicinare alla neve e allo sci persone che non conoscono questa disciplina. In questi vent’anni abbiamo tesserato oltre 2000 persone alla FISI, adesso contiamo una sessantina di tesserati. Oltre a promuovere corsi di avviamento allo sci e gite turistiche, è sempre viva e vigile la nostra vocazione agonistica. A livello Senior e Master ci siamo aggiudicati in questi anni diversi titoli regionali, il nostro rappresentante più significativo è Francesco Dimitri. Inoltre a livello di Pulcini abbiamo portato alcuni elementi alla fasi nazionale del Pinocchio». Il Viterbo 97 può contare su due maestri cresciuti proprio in questa realtà: Federico Croci, che è anche allenatore federale di secondo livello, quindi Giorgio Troncarelli.

EVENTO CON BISCONTI, CASSE, DE CHIESA – E per il ventennale una manifestazione davvero di rilevo , la sala Regia gremita a cui hanno partecipato, oltre agli aderenti dello Sci Club Viterbo 97, anche altri sodalizi laziali. «Si è parlato di tecnica e di evoluzione, di percorsi tecnici dal leggendario Zeno Colò fino ai nostri giorni. Ospiti per l’occasione una delle voci tecniche di RAI Paolo De Chiesa atleta dell’ valanga azzurra, che ha deliziato i presenti con la cronaca in diretta dei filmati degli ultimi trenta anni di coppa del mondo, l’ex coach della nazionale francese, canadese e svizzera (ora faro dell’Olimpionica Sestriere – ndr) Alberto Casse e il direttore tecnico degli Istruttori Nazionali Giacomo Bisconti, senese delle zone della località sciistica del Monte Amiata e vicino da sempre al nostro club», chiude Zucchi intervistati magistralmente dal giornalista Giorgio Renzetti. Scroscianti applausi hanno chiuso la manifestazione che si è conclusa in un conviviale con sci ospiti in un ristorante cittadino, gli ospiti hanno espresso sperticati complimenti sull’organizzazione superiore ad una città dell’ arco alpino.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email