VITERBO – A decorrere dal 9 giugno u.s., in ottemperanza al decreto del Ministero Economia e Finanze, di concerto con il Ministero dell’Interno, datato 5/5/2017, il rilascio / rinnovo dei permessi di soggiorno in formato elettronico è di nuovo subordinato al pagamento di un contributo così come di seguito indicato:

a) Euro 40,00 per i permessi di soggiorno di durata superiore a tre mesi e inferiori o pari a un anno;
b) Euro 50,00 per i permessi di soggiorno di durata superiore a un anno e inferiori o pari a due anni;
c) Euro 100,00 per il rilascio del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di Lungo Periodo e per i dirigenti e i lavoratori specializzati richiedenti il permesso di soggiorno ai sensi degli artt.27, comma 1, lett. a), 27-quinquies, comma 1, lettere a) e b) e 27 sexies, coma 2 del D.L. 25 luglio 1998, n.286 e successive modificazioni.

Dal 9 giugno, quindi, le pratiche di soggiorno elettroniche dovranno vedere corrisposto, per la loro definizione, il relativo contributo, anche ove queste siano in fase di istruttoria oppure siano definite ma il titolo elettronico non sia stato ancora consegnato allo straniero.
Sono esenti dal pagamento: Permessi di Soggiorno richiesti da minori di anni 18, Permessi di Soggiorno per Cure mediche, Permessi di Soggiorno per richiesta Asilo, Asilo,Protezione sussidiaria e Umanitaria; gli aggiornamenti o la conversione dei Permessi di Soggiorno in corso di validità e i duplicati.

Commenta con il tuo account Facebook