VITERBO – Con l’arrivo dell’esercito per spalare la neve e il quarto giorno consecutivo di chiusura delle scuole (ufficializzato a seguito dell’ordinanza firmata dal sindaco nel pomeriggio odierno) l’amministrazione Michelini sancisce definitivamente il proprio fallimento.

Il Piano Neve, così fieramente sbandierato nei giorni pre Burian e, sfacciatamente, nelle 48 ore successive al suo passaggio, è infatti naufragato miseramente, insieme alla spocchia e alla presunzione di tutti quegli esponenti dell’amministrazione che, in maniera quasi surreale, avevano provato a difendere l’indifendibile nonostante le rimostranze della cittadinanza.

Fallimento. Non c’è altro da aggiungere. Questa è la sola ed unica parola che possiamo accostare alla giunta Michelini in merito alla gestione di un’emergenza ampiamente prevista.

Un’emergenza che, a causa dell’inadeguatezza gestionale del comune, sta costringendo le famiglie a rivoluzionare le proprie giornate, sia sotto il profilo pratico sia sotto il profilo organizzativo; per non parlare poi degli enormi disagi arrecati agli automobilisti, a causa dell’incapacità di far riaprire in tempi brevi, ad esempio, una circonvallazione Almirante solo in parte coperta dal ghiaccio, ma che per quattro giorni ha continuato ad essere off-limits a causa delle stalattiti presenti sotto i cavalcavia, poi rimosse dai vigili del fuoco.

Insomma, tutto è ancora in alto mare, sebbene l’arrivo dell’esercito abbia dato una notevole accelerata alla rimozione di neve e ghiaccio da alcune strade.

Ribadiamo quanto detto in altre occasioni. A questo punto non resta altro che sperare nell’innalzamento delle temperature o nella pioggia. Diversamente la strada verso la luce resterà lunga e lastricata di ghiaccio e neve, soprattutto sui marciapiedi.

Di seguito il testo dell’ordinanza di chiusura delle scuole per la giornata del 1 marzo.

Ordinanza chiusura scuole per il 01-03-2018

Massimiliano Chindemi

Commenta con il tuo account Facebook