Il Liceo delle scienze umane e musicale “S. Rosa da Viterbo”, da sempre sensibile ad una delle violazioni dei diritti umani più diffuse e devastanti, la violenza su donne e ragazze, ha dato il via a un corso di difesa personale.

Più di cinquanta studentesse e studenti si sono dati appuntamento alla palestra della sede centrale per apprendere le tecniche di difesa impartite dall’istruttore CSEN di Jujitsu Self Defense Roberto Zappetta in stretta collaborazione con la professoressa Giorgia Giorgini, docente dell’istituto in scienze motorie e sportive nonché funzione strumentale supporto studenti.

Il primo di una serie di incontri ha avuto inizio con un’introduzione teorica sull’importanza di come prevenire eventuali situazioni “pericolose” e come difendersi, eventualmente, da una qualsiasi forma di violenza o bullismo.

L’istruttore Roberto Zappetta, assistito dal suo allievo Benedetto Laezza, ha coinvolto in maniera egregia tutti gli studenti che si sono mostrati molto interessati, attenti e partecipi a tutte le tecniche difensive proposte.

L’eliminazione della violenza contro le donne è al centro di Agenda 2030, è un passo verso la sicurezza e la pace e una condizione essenziale per la promozione e il rispetto dei diritti umani, la democrazia e l’uguaglianza di genere. Per questo ci si auspica che il corso stesso possa aprirsi a tutte le classi del liceo già a partire dal prossimo anno scolastico.

Dagli organizzatori, un ringraziamento al dirigente scolastico Alessandro Ernestini “per la sensibilità verso questo delicato argomento”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email