VITORCHIANO – Torna a Vitorchiano per il nono anno consecutivo l’appuntamento estivo con il teatro amatoriale nella rassegna Fidelitas, Premio Sandro e Marco 2015.

 

Nel corso degli anni la rassegna estiva di teatro amatoriale si è via via consolidata diventando un piccolo importante evento culturale dell’estate Vitorchianese in grado di coinvolgere sia il pubblico in cerca di un piacevole svago che quello più curioso e attento alle ultime manifestazioni del teatro contemporaneo.

 

“Per non dimenticare”…. Voluta dalla Amministrazione Comunale, ideata dalla Compagnia In…stabile di Vitorchiano, dalla Fita Lazio in collaborazione con la pro-loco di Vitorchiano sotto il patrocinio della Regione Lazio e della Provincia di Viterbo, la rassegna è come ogni anno dedicata alla prematura e tragica scomparsa degli operai Sandro e Marco.

 

Ad aprire e chiudere la rassegna ci sarà la Compagnia In…stabile di Vitorchiano con lo spettacolo fuori concorso Metamorfosi a firma e regia di Sandro Nardi. Lo spettacolo andrà in scena giovedì 9 luglio e in replica il 19 luglio precedendo la premiazione degli spettacoli in concorso. Sandro Nardi è un autore e regista capace sempre di sorprendere e coinvolgere nei suoi spettacoli evocativi, divertenti e surreali. La Metamorfosi dunque non poteva che essere il tema perfetto per esplorare una narrazione teatrale sfuggente quanto ricca di emozionanti suggestioni e allegorie.

 

Venerdì 10 Luglio la prima opera in concorso vedrà la compagnia Calandra di Tuglie (LE) in “Tartufo” di Molière per la regia di Giuseppe Miggiano. Una rappresentazione non canonica del classico di Molière con un taglio originale ed essenziale in grado di esaltare con pochi elementi il gesto e le parole degli interpreti. Una commedia classica con un linguaggio moderno in grado di far riflettere sulle ipocrisie e le falsità contemporanee. Sabato 11 Luglio è la volta di Colpo di Scena di Gravina di Puglia (BA) con “Il cilindro” Di Eduardo De Filippo per la regia di Michele Mindicini. La commedia ha come sfondo l’Italia degli anni 60 in bilico tra il boom economico e la crisi della disoccupazione. Il cilindro è il simbolo del potere, in grado di intimidire gli ignoranti e al tempo stesso una maschera pirandelliana che permette ad Agostino, il protagonista, di difendersi ma anche di mostrarsi per ciò che non è.

 

Domenica 12 Luglio conclude il primo ciclo di spettacoli la compagnia La quarta quinta di Roma con la commedia “il settimo si riposò” di Samy Fayad per la regia di Gianni Monaco. Un evaso dal carcere piomba in una casa di due anziani coniugi scompaginando i rapporti e gli equilibri familiari già complicati da dissapori dovuti a sentimenti di insoddisfazione e piccole invidie.

 

Mercoledì 15 luglio a conclusione del Corso di teatro per baby attori non poteva mancare il saggio fuori concorso per questo gruppo di piccoli talenti. Con “I clown e il carnevale degli animali” di D. Cologgi per la regia e adattamento di Marisa Borni, i ragazzi dai tre ai tredici anni, che si sono impegnati insieme nel canto, nella recitazione e nel movimento scenico, andranno in scena con uno spettacolo tutto per loro… Il leone, il re della foresta indice un concorso in occasione del carnevale, tutti gli animali invitati si misureranno in una gara nella quale ognuno potrà dare una dimostrazione delle proprie abilità.

 

Il concorso riprende Venerdì 17 Luglio con la compagnia Teatro dell’accadente dei Forte dei Marmi che andrà in scena con “Una (st)ridente casa di campagna” di Gabriella Ghilarducci per la regia di Luca Brozzo. La timida Grace Shaw reduce da un esaurimento nervoso, riceve dall’amato marito Jason un inaspettato regalo all’uscita dalla clinica: un mese di vacanza in una “ridente” casa di campagna. Quello che accadrà cambierà per sempre il corso della sua vita e di tutti gli altri personaggi.

 

Sabato 18 Luglio è la volta della compagnia La Bottega dei Rebardò di Roma che andrà in scena con “L’ultimo volo” di Gianni Clementi per la regia di Enzo Ardone. Siamo a Buenos Aires, il giorno della finale di coppa del mondo tra Argentina e Olanda, un evento molto atteso in una città piena di angoscia e paura per il regime sanguinario che terrorizza la popolazione. In questo clima festaiolo per l’evento sportivo un gruppo di ragazzi si incontra, suonano la chitarra , ridono, scherzano e parlano dei loro progetti di vita. Sarà Padre Ramiro ad aprire loro gli occhi sul momento politico che colpirà anche le loro vite e che culminerà nei tragici momenti de “L’ultimo volo”.

 

Chiuderà la rassegna la serata di Gala con premiazione domenica 19 luglio. Ma prima ritornerà in scena La compagnia In…stabile – fuori concorso – con la replica dello spettacolo Metamorfosi di Sandro Nardi. Le rappresentazioni quest’anno avranno luogo all’aperto negli spazi della Dimora di Vitorchiano Piccola Opera Sacro Cuore – Padri Dehoniani, Strada Ortana 19.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email