VILLA SAN GIOVANNI IN TUSCIA – Domenica 29 Marzo alle ore 16.00 presso la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista a Villa S. Giovanni in Tuscia, l’archeologa Micaela Merlino e Angelo Capuzzi terranno una conferenza dal titolo “Santa Maria della Neve.

 

Un’antica chiesa in corso di restauro”, con un’introduzione del Parroco Don Giovanni Berni. Nel corso dell’evento saranno illustrati i lavori di restauro dell’edificio, iniziati nella metà di gennaio 2015 e ancora in corso d’opera, eseguiti a cura della Ditta “Studio3” di Roma. Il progetto di recupero e di valorizzazione della più antica chiesa del paese, è stato reso possibile grazie ad una campagna di sensibilizzazione iniziata nel 2014, per interessamento del Parroco Don Giovanni Berni, che ha coinvolto nell’iniziativa Angelo Capuzzi e Micaela Merlino.

 

I due ricercatori di storia e archeologia hanno realizzato una piccola monografia dal titolo “Sancta Maria ad Nives. Una chiesola del XVII secolo a Villa San Giovanni in Tuscia”, presentata nel luglio 2014 proprio all’interno del sacro edificio. In quell’occasione si è dato l’avvio ad una “Raccolta fondi pro chiesola” tramite l’acquisto ad offerta libera del libricino, alla quale con grande generosità hanno aderito tanti Sangiovannesi, e non solo. Questa raccolta fondi è continuata nei mesi seguenti, sempre con grande successo, tanto che a tutt’oggi si annoverano tra i contribuenti le Associazioni locali, quali La Scuffiaccia, la Pro Loco, la Confraternita di San Giovanni Battista e quella della Madonna del Carmine, il Centro Anziani Comunale, il gruppo “Insieme per Villa”, ed anche la Comunità Rumena. Il progetto ha ricevuto il patrocinio e il sostengo dell’Amministrazione Comunale di Villa San Giovanni in Tuscia, nonché quello della Curia di Viterbo, che ha anche generosamente offerto un contributo economico, così come ha fatto l’Agenzia locale della Banca di Credito Cooperativo di Barbarano Romano. I lavori sono stati autorizzati dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Lazio. Nel corso della conferenza saranno illustrate le varie fasi delle operazioni di restauro, proprio per rendere più partecipi tutti coloro che hanno sostenuto, e continuano a sostenere, questo importante progetto.

Commenta con il tuo account Facebook