VITERBO Cinquantesima esposizione internazionale canina città di Viterbo: “Una delle manifestazioni più importanti di questa città e non lo dico con spavalderia o esagerazione. Lo spirito cinofilo su questo territorio vive da tempo.

Così tanto, che l’esposizione viterbese con i suoi 50 anni è la terza più antica d’Italia”. Sono le prime parole del presidente della delegazione Enci di Viterbo, Mario Venanzi, alla conferenza stampa di presentazione dell’evento dedicato al mondo cinofilo che il 2 e il 3 giugno aprirà le porte di Prato Giardino ad allevatori e appassionati provenienti da ogni parte del mondo.

Una manifestazione di grande richiamo, che può a ragione ritenersi uno dei cardini della tradizione cittadina. A dirlo sono i numeri: i suoi cinquant’anni di “età”, traguardo che sarà raggiunto con il taglio del nastro il 2 giugno, e che ci parla di un evento profondamente radicato sul territorio. Ma anche i numeri propri di questo tanto atteso appuntamento: “Avremo 2.200 cani – spiega Venanzi – ci saranno 26 giudici, di cui 20 italiani e 6 provenienti da paesi europei, tra i quali il presidente del club romeno e due membri del consiglio nazionale della Spagna e del Portogallo, personaggi che a livello europeo sono al top.

All’Internazionale della Città di Viterbo parteciperà anche il presidente dell’Enci, Dino Muto, – dice ancora Venanzi – che sarà con noi per festeggiare questi 50 anni. La sua presenza testimonia l’importanza riconosciuta a questo evento. L’ente nazionale della cinofilia italiana ci ha permesso di organizzare due internazionali anziché una. Dobbiamo ringraziare per questo i gruppi cinofili di Latina che hanno rinunciato alla loro per permettere a noi di organizzare una doppia interna”.

Un’ottima opportunità per chi arriva da lontano che con un’unica trasferta può “partecipare a due esposizioni nell’arco di due giornate e poter vincere due titoli, che potrebbero diventare tre – continua Venanzi –

L’esposizione non è semplicemente una passerella di bellezza, ma un momento in cui gli allevatori italiani verificano in modo tangibile quello che loro hanno prodotto in termini di qualità. Per fare questo si affidano ai giudici esperti che in qualche modo danno loro delle indicazioni con cui migliorare”, conclude Venanzi. Accanto a lui anche la vice presidente della delegazione Enci di Viterbo, Rosa Agostini, e i consiglieri Roberto Sciorilli, Stefano Starna, Francesco Buzzi. In questa esposizione internazionale sono previsti 24 speciali di razza nella giornata di sabato 2 giugno.

Veramente tanti gli iscritti: 100 soggetti per la razza bassotto, 60 per il segugio francese, 25 per il bovaro, 60 per il golden retriver, 56 per il labrador, 15 per il mastino napoletano,16 per il volpino italiano, 53 per i boxer, 20 per il bracco italiano, 58 per lo spinone setter, 38 per il bulldog, 23 per il rhodesian, 11 per il levriero afgano, 18 per il San Bernardo. Si prosegue domenica 3 giugno con 4 speciali di razza: 35 soggetti per il lupo cecoslovacco, 90 per l’alano, 35 per il pastore belga; 37 per la razza amstaff. Domenica si disputerà anche un ulteriore spareggio dove i migliori delle categorie “Giovani”, “Junior” e “Veterani” della due giorni si affronteranno per un ulteriore titolo: il Suprime.

Una manifestazione, quindi, con grandi numeri, tanto da richiedere l’aiuto di 60 commissari di ring. Un evento che, per quello che rappresenta, e per il grande richiamo che esercita, può ritenersi “un pezzo di cultura al pari di tante altre cose – sottolinea Venanzi”. L’esposizione porterà a Viterbo un flusso enorme di persone che oltre a partecipare alla competizione vivranno la città, soggiornando, mangiando, visitando magari alcuni angoli caratteristici”. Un evento, dunque, che è una vera risorsa per il territorio.

La delegazione viterbese dell’Enci se ne fa carico da anni con cura e passione, sostenendo anche la spesa per “rimettere a posto nella maniera più dignitosa possibile Prato Giardino”. Nonostante ciò: “non ho trovato ancora una volta interesse da parte dell’amministrazione. Non riescono a capire di cosa stiamo parlando”, commenta Venanzi. La 50° Esposizione Internazionale Canina Città di Viterbo ha il patrocinio di Regione Lazio, Provincia e Comune di Viterbo. Sponsor dell’evento: Farmina. Ingresso gratuito.
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email