VITERBO – Sin dalla sua nascita nel 2002 (è la prima rassegna nazionale di letteratura e dibattiti a tema made in Viterbo), Il Salotto delle 6 di Pasquale Bottone si fa affiancare dalle migliori realtà culturali e produttive locali.

E’ di questi giorni la stipula di un accordo per una partnership quadriennale tra Il Salotto delle 6 e la Società Coop.va Agricola l’Olio di Blera, produttrice di un extravergine di qualità eccelsa, con grande attenzione alla salute del consumatore e alla salvaguardia dell’ambiente. La rassegna, quest’anno, avrà come compagna di strada anche l’Università di Agraria di Blera, che affiancherà il suo logo a quello della manifestazione.

“Seguiamo da sempre Il Salotto delle 6 – puntualizza il Presidente dell’Università Agraria Luca Torelli- e ci sembra un esempio lodevole sia per i temi che affronta, che riguardano la storia nazionale più oscura, che per la linea editoriale vicina ad un giornalismo veloce e moderno, che non ha paura di indagare verità nascoste con un linguaggio chiaro e comprensibile a tutti. Con molta convinzione e piacere partecipiamo alla promozione dell’edizione 2018”.

“Abbiamo preso con grande soddisfazione la proposta de Il Salotto della 6 – dice la Presidente della Cooperativa “l’Olio di Blera”, Maria Grazia Iona – perchè sinonimo di un riconoscimento non scritto, che vale più di ogni altro premio o menzione su riviste specializzate. In soli tre anni siamo passati da 10 a 180 soci. Liquidiamo l’olio ai nostri produttori fino a 9,00 € per chilogrammo, questo perchè facciamo un prodotto a chilometro zero e impatto energetico zero, con un grande valore aggiunto che il consumatore ci riconosce. Finanziare ed essere partner del Salotto delle 6, oltre che motivo di orgoglio, è coerente con i principi di trasparenza che da sempre hanno contraddistinto la nostra cooperativa. Perchè se è vero che il consumatore vuole trasparenza nel prodotto che consuma, è altresì vero che il lettore vuole trasparenza nella notizia che gli viene data. E mi pare che il Salotto delle 6, in questo, sia maestro”.

“A Blera vi ci sono due realtà che funzionano bene, l’Università Agraria e la Cooperativa l’Olio di Blera, che hanno deciso di promuovere la cultura e questa è un’ottima notizia per tutti. Gli spettatori avranno anche modo di assaggiare l’olio di Blera alla fine degli incontri e di verificare come nella nostra provincia siano presenti prodotti di assoluta eccellenza e produttori che, in silenzio e senza padroni, esportano la Tuscia nel mondo” aggiunge Bottone.

Intanto la redazione de Il Salotto delle 6 da inizio ottobre sarà già al lavoro per la preparazione dell’edizione inverno-primavera 2018 della Kermesse, il cui inizio è previsto per la fine del mese di gennaio del prossimo anno.

Commenta con il tuo account Facebook