TUSCANIA – Si è conclusa lunedì 28 la settimana di scambio tra i circa 60 insegnanti di Contact Improvisation, giunti a Tuscania da 23 diversi Paesi del mondo per questa manifestazione promossa dal Comitato ECITE Italy 2017 e ospitata dall’Associazione Kinesfera.

Gli insegnanti di CI si sono confrontati soprattutto attraverso l’esperienza pratica di movimento e di danza, oltre che in momenti di scambio verbale su temi che includevano questioni pedagogiche, la storia e lo sviluppo della pratica di CI, il rapporto tra culture e con l’ambiente. Il programma, con incontri in plenaria e lavoro in piccoli gruppi, si è svolto in location sparse per tutto il centro storico, spesso suscitando la curiosità di molti cittadini e turisti che venivano a “contatto” con l’evento. Per il suo svolgimento, Kinesfera ha provveduto a mettere a disposizione il Supercinema, il Teatro Pocci, i Magazzini della Lupa, la Sala Conferenze Santa Croce, la sala accanto alla chiesa di San Marco, collaborando con le istituzioni e altre organizzazioni locali.

La serata del 26 agosto, con la performance aperta al pubblico, il caveau del Parco di Lavello si è riempito non solo di passanti che si sono fermati a guardare, ma anche, squisitamente, di cittadini che sono giunti proprio per assistere allo settacolo, per capire chi erano questi numerosi ospiti della nostra cittadina, cosa facevano, come danzavano. C’erano nonni affascinati e nipotini a bocca aperta, giovani ragazzi che facevano domande e coppie mano nella mano, seduti, attenti ad osservare.

La CI pone alla base i punti di contatto fisico tra due o più persone per andare a esplorare e scoprire adattamenti, per sostenere i contatti accidentali, accogliere la dinamicità delle relazioni, utilizzando una serie di movimenti e passaggi improvvisati e improntati sulla fiducia reciproca, sul rapporto con la gravità e sulla fluidità del movimento. Si potenziano così le percezioni sensoriali, la consapevolezza corporea, l’educazione del corpo, le capacità di incontro e relazione con l’Altro. Tutti principi in consonanza con la mission dell’Associazione Kinesfera, che promuove ricerche e progetti a favore dell’autoapprendimento e dei processi di integrazione individuali e collettivi, in ambito socio-sanitario, educativo, culturale e artistico.

Il team dell’associazione Kinesfera, composto da Gloria Desideri, Ester Veruschi, Martina Moscini, Laura Banfi, Roberta Bassani e Chiara Natalini, insieme a Elisa Ghion, Caterina Mocciola e Anna da Pozzo del Comitato ECITE Italy 2017, hanno lavorato per più di un anno fino ad arrivare con successo alla settimana del 21-28 agosto. Per tutti si è trattato di un percorso di crescita basato sulla collaborazione e sulla ricerca di efficienza nella gestione.

La presidente dell’Associazione, Gloria Desideri, commenta così la riuscita dell’evento: “Era una bella sfida per un’associazione piccola come la nostra, con poche risorse umane e materiali… sono molto soddisfatta perché in realtà con quest’evento s’è fatto un balzo in avanti, sia a livello di capacità organizzative sia nella gestione delle relazioni con la comunità locale e con quella internazionale della CI. Non si tratta dunque di avere poco o avere tanto: è il come che conta, contano la qualità delle relazioni, la valorizzazione delle competenze di ciascuno e delle risorse disponibili, la comunicazione… Bello vedere tutto questo in un gruppo di giovani, tuscanesi e non, che hanno fatto squadra.” Fieri dell’obiettivo raggiunto, i due team ringraziano quanti hanno sostenuto ECITE Italy 2017”.

Commenta con il tuo account Facebook