Quaranta minuti non sono bastati alla Stella Azzurra per riuscire ad acciuffare ad Ostia una vittoria che i ragazzi di Fanciullo hanno inseguito per tutta la gara e che invece gli è stata negata da una tripla a 12 secondi dalla fine che portava i padroni di casa sul 77 pari. I biancostellati hanno giocato una buona partita, conducendo quasi sempre nel punteggio e raggiungendo anche il massimo vantaggio sul 40-31, margine poi colmato dai lidensi sul finire del secondo quarto.

L’Ortoetruria ha ribattuto colpo su colpo in un incontro tutto agonismo e fisicità messo in campo dai padroni di casa, orchestrando buone trame e sfruttando la tanta classe di Napolitano, ma non sono riusciti ad organizzare una buona difesa su di un tiro dell’ex Ingrillì che lo stesso play locale recuperava e trasformava nella tripla che portava il match all’overtime.

Nei cinque minuti finali la Stella capitalizzava quattro penetrazioni consecutive, ma in vantaggio di un possesso sprecava sanguinosamente un contropiede che avrebbe potuto chiudere l’incontro. Ostia non si faceva sfuggire l’occasione di rientrare in partita e di approfittare di un paio di errori al tiro dei viterbesi che così vedevano sfuggire due punti che sarebbero stati importantissimi per risalire la classifica.

Ancora una volta tanto rimpianto per una Stella che però sul litorale ha giocato una gara di carattere. Priva di Toselli, sulle cui condizioni fisiche proprio oggi la risonanza effettuata ha dato riscontri completamente rassicuranti, perduti alla fine della terza frazione Misino per infortunio e Napolitano per espulsione, nonché senza Rogani sanzionato con il quinto fallo nelle fasi decisive del supplementare, la squadra ha lottato senza risparmiarsi contro una buonissima Alfa Omega, esaltata dalle ottime prestazioni di Ingrillì, Di Pasquale e Loggia, contro una sfortuna che non sembra aver ancora abbandonato i viterbesi, contro una coppia (ma l’arbitraggio è parso deciso da un solo grigio in campo) totalmente inadeguata per entrambe le formazioni che dalla ingiustificata espulsione di Di Pietro ha compensato errori gravi e letture del tutto imbarazzanti (vedi l’incredibile antisportivo a Napolitano), rovinando una gara che di protagonisti doveva avere solo i giocatori e non purtroppo altri soggetti che in campo hanno ben diversi compiti.

Comunque buona la gara dell’Ortoetruria con una citazione particolare alla eccellente gara di Meroi, Napolitano e di Gennaro.

Ora per la Stella il campionato si ferma per la lunga pausa natalizia dovuta all’anticipo vittorioso con Fondi. Si riprenderà il 9 gennaio a Civitavecchia, per tornare al PalaMalè il 12 nell’ultima di andata contro la Fortitudo Roma.

STELLA AZZURRA 83: Rogani 2, Navarra ne, di Gennaro 21, Misino 8, Provvidenza 18, Baldelli 2, Meroi 10, Piazzolla, Gasbarri, Napolitano 22
All. Fanciullo, 1° Ass. Cardoni, 2° Ass. Baleani
Rimbalzi: di Gennaro 11, Napolitano 9, Rogani 8
TL: 10/14
ALFA OMEGA 88: Sementilli ne, Di Pasquale 30, Ingrillì 17, Loggia 20, Di Pietro 12, Tomassoni 2, Zappalà 2, Tiraferri ne, Ramaj ne, Vitali 5, Cardi
All. Sardo, 1° Ass. Afflitto
Rimbalzi: Di Pasquale 14
TL: 19/23

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email