ONANO – Campo al limite della praticabilità,pioggia battente,vento insidioso,freddo intenso. In questa cornice invernale si è giocata la gara di seconda categoria girone A tra l’Onano calcio e il Faul Fc, tra la prima della classe e imbattuta l’Onano e la terza il Faul.

Gara maschia e molto intensa, giocata da due squadre completamente diverse squadra di brevi linee e portata al gioco in orizzontale l’Onano, squadra fortissima fisicamente il Faul con gioco prevalentemente in verticale. Le due compagini annoverano tra le loro file il capocannoniere Mancini e il vice Mingione. Veniamo alla cronaca. Al pronti e via è il Faul a farsi sentire,ed al terzo minuto va in goal Mingione, che con una rasoiata, male coperta dai centrocampisti, Tiberi incolpevole, non può far altro che raccogliere da dentro il sacco la palla. Il Faul con determinazione e foga comanda le danze, sempre giocando in verticale cerca di mettere in difficoltà la retroguardia Onanese, che però ha una grande occasione, Ceppari in fuga, dopo aver rubato palla, si invola verso la porta, viene steso in maniera perentoria da Filippi, chiara azione da goal, ultimo uomo, ammonito il difensore. Cambi forzati per il Faul,al decimo si infortuna Taratufolo, viene sostituito da Belli. Il Faul continua con foga a cercare di chiudere la partita da cross dalla sinistra , da un colpo di testa in mischia la palla si insacca di nuovo nella rete Onanese, l’arbitro annulla per fallo in attacco.

La pioggia continua imperterrita allentando sempre più il terreno di gioco, questa situazione si protrarrà fino alla fine della gara. Da una verticalizzazione del Faul scaturisce il rigore che darà il secondo goal, lancio lungo sulla punta, la palla schizza nell’area Onanese, Tiberi sbaglia il tempo di uscita, Belli si avventa sulla palla, Tiberi tenta l’uscita sul giocatore che viene toccato sulla scivolata del portiere, rigore. Mingione realizza spiazzando il portiere. Riposo sul due a zero ospite. Giochi fatti? Il secondo tempo l’Onano calcio entra in campo con più determinazione e meno gioco in orizzontale, i centrocampisti cercano più le due punte Mancini e Ceppari con lanci lunghi senza andare per il sottile, Burchielli e Cherubini vengono lanciati con palloni lunghi senza passare per il centrocampo, oramai allentato e impraticabile. Arriva il goal con Ceppari all’ottavo del primo tempo la partita è rimessa in discussione, il Faul cala alla distanza, l’Onano prende campo e gioco, al diciottesimo il rigore che mette in pari il risultato, Mancini in sfondamento dalla sinistra salta il diretto avversario e si invola verso la rete, viene toccato due volte fuori area dall’avversario saltato, in area dal centrale a copertura, l’arbitro punisce il secondo ed è rigore, Mancini trasforma. La partita avrà altri sussulti due parate impossibili di Tiberi su calci piazzati, un uscita di Marcomigni su Ceppari, una frazione di gioco in ritardo. L’espulsione di Fabbri, per doppia ammonizione. Bella non si può dire ma è stata una gara vera con due squadre che meriterebbero sicuramente una categoria in più. Onano con una difesa inventata con il solito Galli a coprire il ruolo di centrale per le assenze di Biagini e Bedini, centrocampo aggiustato , visti gli spostamenti dei ruoli e di qualche assenza, portato da un modulo a tre a un modulo a quattro con Cherubini che fungeva da esterno basso.

Faul decimato agli infortuni durante la gara già al decimo la prima sostituzione, Circa un centinaio di sostenitori che contro il tempo inclemente erano presenti alla gara. Il giudice di gara bravo anche se il meteo non l’ha aiutato nelle decisioni importanti. Il risultato lascia la classifica invariata e anche i valori espressi dal campionato in corso.

Paolo Lanzi

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email