VITERBO – Questo fine settimana si è tenuta a Modena l’ultima partita di campionato per la Union Rugby Viterbo. Il risultato finale è di 39 a 26 a favore della squadra ospitante, punteggio che, incrociato con la vittoria del Paganica, squadra da superare in classifica, sugli Emergenti Cecina, non lascia più dubbi sulla retrocessione in Serie C del Viterbo.

 

La partita con il Modena ha confermato quella crescita evidente dimostrata in tutte le partite del girone di ritorno, la quale però non è stata sufficiente a recuperare la mancanza di punti sofferta nel girone di andata. Nonostante questo è stata una bella partita, giocata con impegno da entrambe le parti e separata da appena 8 punti fino a 3 minuti dalla fine. La retrocessione non è stata considerata certa fino all’ultima partita e anche per questo Marco Lanzi, il general manager della società, è soddisfatto del lavoro svolto dalla squadra:

 

«Il Modena era sicuramente la squadra migliore del campionato e nonostante questo i ragazzi hanno giocato alla pari. Il risultato sportivo è quello della retrocessione, è vero, però i risultati visti in campo fanno capire che c’è qualche riflessione da fare. Abbiamo fatto una scelta ad inizio campionato, puntando sulle nostre forze, sui nostri giocatori e cercando di inserire più giovani possibili, ma è logico che quando si conta solo su ciò che si ha le cose diventano più complicate, soprattutto se consideriamo che una parte dei nostri giocatori cominciano ad avvicinarsi al limite di età. Le cose sono andate come dovevano andare, la squadra ha dato ciò che poteva dare e il Rugby è uno sport dove, se consideriamo anche il fattore fisicità, non si vince per caso e i valori in campo vengono quasi sempre rispettati. Per noi era una partita molto difficile, ma la squadra ha giocato bene e si è comportata in maniera esemplare sia come partecipazione che come voglia di fare. Con la retrocessione in vista si poteva giocare una partita rinunciataria, invece i ragazzi hanno onorato fino all’ultimo minuto l’impegno del campionato.

 

Anche quest’ultima partita ha mostrato i progressi visti nelle fasi di ritorno del campionato, dimostrando che le basi, per poter fare bene e iniziare la nuova stagione puntando al ritorno in B, ci sono. Un elogio va quindi a tutti i giocatori scesi in campo. Una novità è stato Bonucci che ha fatto un’ottima prova come mediano di mischia, ruolo per il quale si era allenato negli ultimi tempi ma inedito per lui in partita. Menzione speciale anche per Luigi Bocchino, che per limiti di età ha giocato contro il Modena la sua ultima partita.» Il campionato è ufficialmente concluso, ma non è retorica se diciamo che il lavoro per la Società dura tutto l’anno. Questa settimana si terrà il primo direttivo post campionato e le attività estive del Sandro Quatrini e della Club House stanno appena per iniziare.

Commenta con il tuo account Facebook