La performance narrativa voluta dal Museo della preistoria della Tuscia e della Rocca Farnese di Valentano sarà dedicata a “Famiglie, fazioni, città. Antropologia del cittadino medievale. Tra dialetti e blasoni, tra leggende e statuti comunali. Quanto di quel DNA culturale è ancora in noi?”. L’iniziativa rientra nel ricco calendario di manifestazioni dedicate a commemorare il 700esimo anniversario della morte del sommo poeta. Dopo il successo ottenuto presso il Museo del brigantaggio di Cellere con “Dante Brigante”, lo scorso 3 settembre, Comunità narranti – questa volta col suo leader Antonello Ricci – torna a incrociare sul proprio cammino Dante. Appuntamento sabato 11 settembre, alle 17 per un racconto surplace costruito con brani tratti dalla “Comedìa” dantesca, intramati all’interno di una cornice particolarmente suggestiva pensata per riflettere sull’uomo medievale, le sue passioni, i suoi demoni politici e su quanto di tutto ciò sopravviva ancora oggi nel nostro mondo presente. Con un poeticissimo-inatteso omaggio al Quentin Tarantino di “The Hateful Eight”.

Ingresso gratuito, per informazioni: [email protected], oppure tel. 0761420018

L’accesso alla manifestazione sarà possibile nel rispetto della normativa vigente in materia di contrasto alla diffusione del Covid-19.