VETRALLA – Appaiono comunicati stampa deliranti da parte di chi oggi non avendo più argomenti, tenta di giustificate la presenza mistificando la realtà. Dopo le accuse di “mancanza di democrazia” smentite dai numeri secondo i quali la passata amministrazione convocava i consigli solo quando gli faceva comodo, numeri incontrovertibili; oggi è il turno della palestra comunale e qui siamo al limite del paradossale.


L’amministrazione Coppari – PROSEGUE Roberto Tomassini di Noi Per Vetralla – ottiene il finanziamento per la ristrutturazione grazie ad un progetto fatto dall’amministrazione Aquilani precedente, in più riesce a spendere anche i fondi disponibili che erano stati ottenuti come risarcimento dall’assicurazione per i danni causati da atti vandalici commessi negli anni.
Tutto ciò non è bastato a coloro che solo oggi hanno in tasca tutte le soluzioni, in quanto non sono stati neanche capaci di far verificare la funzionalità degli impianti di riscaldamento; secondo loro una caldaia ferma per oltre 15 anni bastava girare l’interruttore e sarebbe ripartita a regime, per non parlare poi dei consumi.


Purtroppo questa è la verità, Vetralla è stata amministrata per cinque anni e mezzo da chi si è dimostrato non all’altezza.
Non bastasse, hanno anche la faccia tosta di rivendicare l’inaugurazione fatta. Infatti, in perfetto stile prima Repubblica, abbiamo assistito ad una inaugurazione in piena campagna elettorale, senza aver ottenuto le necessarie certificazioni fondamentali per aprire una struttura del genere, tanto che poi la palestra è stata richiusa il giorno successivo da loro stessi; questi particolari naturalmente vengono omessi nel delirio di mistificazione della realtà a cui ormai sono votati.


Oggi, sono stati effettuati incontri con le associazioni sportive e la scuola per la gestione del problema, con la collaborazione di tutti sono state messe in campo tutte le soluzioni praticabili.
L’amministrazione Aquilani ha intanto ottenuto faticosamente e dopo diversi mesi, le necessarie certificazioni ed autorizzazioni che hanno consentito di aprire la palestra, ed oggi, dopo aver installato anche un impianto fotovoltaico, ha risolto il problema della caldaia, che verrà sostituita a breve termine dopo aver reperito i fondi necessari, cosa che poteva essere fatta tranquillamente in fase di ristrutturazione, ma questo i vari Pasquinelli, Costantini, Palombi e compagni non lo sapevano! Come sempre!