Partiamo dal principio. Diverse centinaia di persone parzialmente o totalmente non autosufficienti nella Provincia di Viterbo – come altrove – hanno diritto (loro e le loro famiglie) ad un’Assistenza Domiciliare (ADI) fornita gratuitamente dal Servizio Sanitario Nazionale: lo impongono i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), e rientra nell’universale diritto alla salute sancito nella Costituzione Italiana.

La ASL viterbese ancora negli anni ’90 – prosegue Roberta Leoni di Rifondazione Comunista (Sinistra Europea), Federazione di Viterbo – era un’eccellenza in materia di Assistenza Domiciliare. Poi sono arrivati i tagli alla Sanità pubblica, il blocco di assunzioni e turnover, e la dismissione di operatori qualificati e appositamente formati per funzioni di assistenza e riabilitazione. Una mossa accuratamente pianificata.

A questo punto, infatti, una volta fatta terra bruciata di risorse e personale competente, per rispettare i vincoli dei LEA fissati dalla legge – dicevano – l’unica strada sarebbe stata quella di esternalizzare e accreditare ai privati.

E così hanno fatto, aprendo la porta al “mercato” di accreditamenti, S.r.L, cooperative o multinazionali, con criteri difficilmente controllabili e centinaia di lavoratori precari o “a chiamata”. Così è accaduto anche a Viterbo, dove pochi giorni fa (25 febbraio) un decreto regionale ha concesso l’accreditamento dell’Assistenza Domiciliare alla società RSA Viterbo S.r.l..

Peccato che la sanità nel Lazio, anche grazie a Zingaretti, continui lo stesso ad attestarsi al di sotto della soglia dei LEA. Lo chiamano “secondo welfare”, ma è il far west che si scatena quando ai privati (che hanno l’obiettivo del profitto) si affida la gestione di un servizio pubblico (che ha l’obiettivo di garantire un diritto).

Commenta con il tuo account Facebook