Novembre è il mese dedicato alla consapevolezza sul tumore al pancreas.

In tutto il mondo si svolgeranno iniziative il cui scopo è divulgare informazioni su questa patologia, ancora oggi così poco conosciuta eppure così aggressiva.

Recenti studi hanno infatti evidenziato che il cancro al pancreas, che ogni anno in Italia colpisce oltre 13.000 persone, diventerà entro il 2020 la seconda causa di morte per tumore nel mondo.

Solitamente, nelle fasi iniziali della malattia i sintomi non si manifestano, oppure non sono sufficientemente specifici per suscitare il sospetto di una neoplasia.

Ciò si traduce in un frequente ritardo nella diagnosi, che spesso viene formulata solo quando il tumore è già in uno stadio avanzato e si è diffuso in altre parti del corpo.

Prendendo esempio da quanto accade nel mondo, l’Associazione Nastro Viola, associazione no-profit impegnata nella lotta al tumore al pancreas, in collaborazione con le Associazioni Oltre La Ricerca, Fondazione Nadia Valsecchi e Progetto My Everest Onlus, propone per il quarto anno consecutivo la campagna di sensibilizzazione “Facciamo luce sul tumore al pancreas”.

L’iniziativa, ispirata a una campagna di sensibilizzazione internazionale che coinvolge luoghi simbolici in diverse parti del pianeta (dalle Cascate del Niagara alla Opera House di Sydney), riguarda l’illuminazione di edifici pubblici e privati nel colore viola – colore simbolo del tumore al pancreas – in occasione del 15 novembre 2018, data in cui si celebra la Giornata Mondiale Contro Il Tumore al Pancreas.

L’idea è quella che, con gesti anche semplici, si possa modificare la storia naturale di questo “killer silenzioso” che ancora, a cinque anni dalla diagnosi, ha una mortalità stimata del 90% e che, nonostante questo, riceve soltanto il 2% dei fondi europei destinati alla ricerca.

I campanelli di allarme maggiormente frequenti sono costituiti da ricorrenti disturbi dell’apparato digerente, improvviso calo di peso, persistenti dolori addominali che si irradiano alla schiena, urine scure, feci di colore chiaro, nausea, vomito, comparsa improvvisa di diabete, prurito e ittero (colorazione giallastra della cute e della parte bianca dell’occhio).

Tutto il mese di novembre è dedicato al tumore al pancreas. Tra le singole iniziative promosse dalle Associazioni, si segnala l’incontro nazionale – organizzato dalle Associazioni Nastro Viola Onlus, Fondazione Nadia Valsecchi Onlus e Oltre la Ricerca – che quest’anno si terrà a Verona il 16 novembre nella sala convegni del Palazzo della Gran Guardia di Piazza.

Si tratta di un’intera giornata aperta a chiunque fosse interessato per fare il punto sulla ricerca, sulle terapie, sulle cure e sugli aspetti legati alla prevenzione, alla diagnosi e all’alimentazione che ruotano attorno questo tumore.

“Anche il Comune di Viterbo vuole contribuire alla sensibilizzazione dei cittadini su questa importante e preoccupante patologia – ha sottolineato il sindaco Giovanni Maria Arena -. Condividiamo pienamente l’attività di sensibilizzazione e faremo il possibile per divulgarla mediaticamente nel modo più capillare sul nostro territorio”.

Per maggiori informazioni sulla Associazione Nastro Viola Onlus: www.nastroviola.org
Per informazioni sulla Giornata Mondiale contro il Tumore al Pancreas:
www.wpcditalia.orgwww.worldpancreaticcancerday.org

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email