C’ è stata e c’è l’emergenza sanitaria , ma a distanza di 6 mesi dalla risoluzione contrattuale dei lavori di completamento del Corpo A3 di Belcolle è lecito domandarsi se qualcosa s’è mosso in direzione di un nuovo affidamento e di una ripresa dei lavori
Per sottolineare l’importanza della questione richiamiamo le parole della stessa ASL nel comunicare la revoca dell’appalto .
“ Considerando l’importanza e il valore strategico del completamento dell’ospedale di Belcolle”…… Il completamento del Corpo A3 dell’ospedale di Belcolle è atteso da anni dalla popolazione e dagli stessi professionisti della sanità …. La Asl di Viterbo individua in questa opera il naturale compimento del lavoro svolto ……. per attività, servizi e nuovi modelli di assistenza, di cura e di orientamento dei cittadini che, nell’ottica della continuità tra ospedale e territorio, e all’interno della rete ospedaliera aziendale, individuano in Belcolle il nodo centrale di questa organizzazione complessa …… l’Azienda si impegna a rinviare a un successivo provvedimento l’affidamento dei lavori di completamento del Blocco A3, assumendo l’impegno di privilegiare tutti i percorsi più celeri consentiti dalla normativa vigente.
L’emergenza sanitaria ha evidenziato le criticità della attuale situazione, per cui anche la dotazione limitata di spazi, strumenti, risorse ha comportato una corrispondente limitazione delle prestazioni ordinarie , con il differimento di tanti percorsi terapeutici con conseguenze non certo positive per lo stato di salute di tanti cittadini.
Una situazione che realisticamente , per evidente ragioni di cautela e gradualità, non potrà non protrarsi ancora.
Quindi se il completamento di Belcolle era una priorità strategica prima , ora diventa una emergenza assolutamente straordinaria.
Abbiamo sostenuto già da tempo, col “piano shock cantieri” , la necessità di un intervento deciso per il rilancio delle opere pubbliche; ora questa richiesta trova una ulteriore e più stringente ragione nell’intraprendere subito azioni di contrasto al crollo del PIL attivando ogni opportunità produttiva.
In questo contesto riproponiamo la questione : la Asl comunichi se in questi 6 mesi qualcosa s’è mosso, e si adoperi casomai la Giunta Zingaretti, anche nel confronto col Governo Nazionale, perchè opere come il completamento di Belcolle possano essere avviate con procedure di assoluta urgenza.