Cinque giorni di concerti straordinari premiati dal pubblico nel cuore del centro storico di Viterbo per l’edizione numero quindici del Festival musicale JazzUp  

Dieci concerti, 2 al giorno, svolti nel centro storico di Viterbo per 5 giorni consecutivi divisi in due originali sezioni in grado di offrire un programma valido ed eterogeneo, che ha accontentato un pubblico vasto e di ogni generazione tutto questo è stato JazzUp Festival 2020, completamente ad ingresso gratuito. La 15° edizione di JazzUp Festival, organizzato dalle Associazioni Culturali Musica e Territorio e Factotum, si è conclusa l’11 agosto a Piazza San Lorenzo. Ormai appuntamento fisso dell’Estate Viterbese, pur avendo subito quest’anno una riduzione delle date dovuta alla pandemia Covid-19, l’evento ha portato a casa un’edizione di altissimo livello. Artisti di grande caratura si sono esibiti sul palco: Dado Moroni, Danilo Rea, Rita Marcotulli per citare i più famosi, ma anche gruppi emergenti come i Four Season Band e i Bravo Baboon, registrando sempre il tutto esaurito.

Soddisfazione ed emozione da parte dell’organizzazione del Festival per la buona riuscita della manifestazione “Grazie a questa edizione di JazzUp Festival, la gioia ha superato la paura, tutto sembrava impossibile fino a pochi mesi fa ed invece, trasformando la paura in coraggio, siamo riusciti ad allestire un programma meraviglioso, nonostante i tempi strettissimi con i quali è stato realizzato e le evidenti difficoltà logistiche che abbiamo fronteggiato”, ha dichiarato Giancarlo Necciari direttore artistico e fondatore del Festival ben quindici anni fa, “Avere avuto sul palco artisti come Danilo Rea, Rita Marcotulli, Dado Moroni, Four Seasons Band, Bravo Baboon e tutti gli artisti dei DJ Set è stato fantastico e ci ha fatto dimenticare le tante difficoltà che abbiamo dovuto affrontare. Un credo, che noi di JazzUp ed il Comune di Viterbo abbiamo avuto da sempre, anche nei momenti più oscuri. Adesso la vera sfida è il 2021, se tutto tornerà alla normalità, JazzUp deve e vuole diventare uno dei simboli culturali di Viterbo, questo è il nostro reale obiettivo.”

JazzUp Festival è stato premiato da una grandissima affluenza di pubblico, nonostante le restrizioni imposte per fronteggiare la ancora attuale sanitaria. “I ringraziamenti principali e più sentiti vanno alle Istituzioni ed a tutti gli Sponsor”, così hanno esordito Vaniel Maestosi e Glauco Almonte, direttori organizzativi di JazzUp Festival, “Decidere di investire quest’anno su un evento culturale, nonostante la crisi abbia toccato ogni settore, è stato un gesto da eroi e soprattutto simbolico, come un messaggio alla comunità, con il messaggio velato che dobbiamo tornare alla condivisione il prima possibile e non c’è veicolo migliore della Cultura, nel suo senso più ampio, per superare le paure ed immaginare un futuro più roseo. Cos’è in fondo l’Italia se non condivisione, vicinanza, accoglienza, turismo e un’immensa cultura? Un ultimo doveroso ringraziamento va al pubblico presente ed alla città di Viterbo, che nonostante le limitazioni dovute all’emergenza sanitaria, hanno affollato tutti gli eventi del Festival, dimostrando però sempre grande rispetto verso le regole e comprensione verso gli organizzatori, costretti a malincuore ad imporre tante restrizioni.”

Anche l’Assessore De Carolis ha voluto commentare il successo di questa edizione di JazzUp: “Io, il Sindaco, la Giunta, gli Uffici e tutti gli operatori culturali della nostra città non abbiamo mai smesso di credere che si potesse realizzare un’Estate Viterbese anche quest’anno, sembravamo visionari e forse anche un po’ folli, ed invece fortunatamente non solo i fatti ci hanno dato ragione, ma addirittura abbiamo raggiunto una qualità sorprendente. Inevitabilmente con meno risorse rispetto al passato, ma con la collaborazione di tutti, siamo riusciti a compiere un piccolo miracolo, quello cioè di offrire gratuitamente alla nostra città una stagione estiva, mantenendo vitale la nostra meravigliosa Viterbo. Un immenso grazie a Giancarlo, Vaniel e Glauco, per questo meraviglioso JazzUp Festival, ottenere il massimo con queste difficoltà potevano farlo solo tre organizzatori bravi, esperti e preparati come loro. Io non vedo l’ora che il 2021 ci liberi da questo incubo-nemico invisibile, in modo tale da poter realizzare tutte le idee e la crescita che quest’anno abbiamo pianificato e poi in gran parte dovuto sacrificare. JazzUp deve diventare uno dei più grandi Festival della nostra Regione e sono sicuro ci riusciremo.”, con grande emozione ha dichiarato Marco De Carolis Assessore Cultura del Comune di Viterbo.

JazzUp Festival si realizza grazie al sostegno e al contributo di: Comune di Viterbo, Fondazione Carivit, Università degli Studi della Tuscia, Italiana Assicurazioni, Creval, Terme dei Papi, Menichelli 1912, Civico Zero Resort, KIA Autopremium, Caffè Fida, IDM Assicura, AEM, Fratelli Marmo, Centro Medico Bartoleschi, Manzi Petroli, Ergonet, Carramusa Group, Magnamagna prodotto tipico e Foto Ottica Breccola.

Tutte le foto e i video di questa edizione di possono consultare su www.jazzupfestival.it

Seguici sui social Pagina Facebook e Account Instagram

La stagione eventi delle associazioni proseguirà nell’immediato con la quarta edizione di Cinema&Terme, che si svolgerà dall’11 al 25 settembre 2020 presso le Terme dei Papi di Viterbo e che vedrà come primo ospite l’attore Stefano Fresi (venerdì 11 settembre). Tutte le informazioni su www.cinemaeterme.it.

In Autunno dal 17 al 23 ottobre sarà la volta del 14° Est Film Festival che si svolgerà a Montefiascone. Per ogni informazione visitare il sito www.estfilmfestival.it.

L’offerta culturale si concluderà con la quarta edizione di Civita Cinema, Bagnoregio dal 17 al 20 dicembre 2020. Tutte le informazioni su www.civitacinema.it.