“Abitanti di Paparano prigionieri in casa”

0

VITORCHIANO – “Da oltre tre anni, sono venuta ad abitare a Paparano divenuto uno dei più popolati rioni di Vitorchiano. Avevo da subito riscontrato delle criticità, fatemi anche notare dagli già attuali residenti. Ma partiamo dall’inizio. È bene sapere che per andare a Viterbo passando per la strada che arriva alla Quercia e quindi passa a Paparano, in tutta la giornata ci sono i seguenti autobus di linea: 7,30 8,10 11,45 13,20 14,25 17,05 19,05 19,55.

 

Al mio arrivo era già in corso una raccolta di firme per almeno avere una linea intermedia nella mattinata e nel pomeriggio. Due anni due di rapporti con la Regione, il Comune di Vitorchiano il Cotral Regionale è quello di Viterbo. Tra l’altro vorrei ringraziare il Consigliere Santucci che si è speso con me per questa maratona. Si di maratona trattasi, infatti c’è stato un rimpallo tra I tre Enti, e quando finalmente ho avuto contezza che la lettera del Sindaco Olivieri ( una scheggia di velocità) è stata spedita al Cotral di Viterbo, vengo a sapere che la pratica giace sul tavolo del dirigente, che per motivi poco comprensibile non firma nulla. Preciso che da Vitorchiano stazione, passando per Bagnaia (servita per altro da Francigena) ne passano ben 10, tanto è vero che un autista mi aveva anche suggerito che facendo deviare alcuni di quelli non sarebbe accaduto nulla.

 

La morale: chi non ha un auto, o qualcuno che deve andare a Viterbo o a Vitorchiano stesso, fosse pure per una urgenza, per una guasto alla stessa auto e deve recarsi al lavoro è prigioniero in casa. Ma non finisce qui, non esiste linea adsl ed anche qui è un rimpallo tra il Comune e Telecom che non ha a disposizione linee telefoniche munite di tale servizio, e non si riesce ad ampliare la fascia.

 

Altra morale: c’è gente che con il computer ci lavora. E allora molti nostri tetti sono pieni di antenne che tra l’altro servono a ben poco, perché il servizio, oltre a costare caro, è spesso inefficiente a supportare il pc costringendoci ad usare IPad o cellulari, anche questa nota dolente, perché pochi sono i gestori la cui linea prende. Che dire: Paparano sarebbe un’oasi felice, ma mi sto accorgendo che c’è gente, specialmente più anziana, che non ha nessuno, sta vendendo per ritornare a Viterbo. Ultima nota: chissà se l’Amministrazione Comunale di Vitorchiano è cieca o sorda di fronte alle richieste di tanti cittadini? Confidiamo nel 2016″.

 

Daniela Bizzarri (foto)

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.