Mare mosso tra Tarquinia e Pescia Romana, 8 persone salvate dall’annegamento

0

PROVINCIA – E’ stata una domenica impegnativa per gli operatori del soccorso sulle spiagge di Montalto di Castro e Pescia Romana. Il mare mosso non ha dato tregua alla Guardia Costiera, al personale della Fin salvamento, ai bagnini degli stabilimenti balneari, ai Vigili del fuoco del servizio acquatico e agli amici a quattro zampe della Sics (Scuola italiana cani salvataggio).

 

La prima chiamata è giunta alle 11 sulla spiaggia Caletta del Moro a Pescia Romana, per un padre e il figlio piccolo in difficoltà a circa 30 metri dalla riva. Il bagnino della Fin Marco Ricci, con la collaborazione dell’assistente bagnanti Mattia Pecci dello stabilimento Ippocampo, ha recuperato i due turisti senza gravi conseguenze. Poco dopo è avvenuta un’altra emergenza a Montalto sullo specchio d’acqua antistante piazzale Tirreno, dove un ragazzo è stato salvato dai due bagnini in servizio.

 

Le forti correnti marine hanno portato all’estremo delle forze anche i due assistenti bagnanti in servizio presso la torretta della spiaggia libera a sud di Montalto. Simone Ciavarrini e Alberto Iannicelli sono intervenuti per salvare la vita a una bambina straniera di otto anni e un adulto di Perugia che, in balia delle onde, non riuscivano a tornare a riva. Mentre i Vigili del fuoco del servizio acquatico, con la nuova moto d’acqua offerta dal Comune di Montalto, sotto il coordinamento della Guardia Costiera di Civitavecchia, sono intervenuti a Tarquinia per salvare quattro persone che stavano annegando.

 

«Tutti gli interventi – afferma il vice sindaco e delegato alla sicurezza Luca Benni – sono stati eseguiti con la massima professionalità e sotto il coordinamento della Guardia costiera. Sabato scorso il personale in servizio sulle spiagge, insieme alla Capitaneria di Porto e gli operatori della Sics, hanno svolto un’esercitazione in mare e divulgato informazioni utili ai villeggianti per trascorrere in sicurezza le vacanze sul nostro litorale. E’ importante informare cittadini e turisti dei pericoli che nasconde il mare – conclude Benni – e per questo motivo è essenziale il lavoro che stiamo svolgendo con la Guardia Costiera e con tutti gli altri enti preposti al soccorso».

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.