Distretto Turistico “Etruria Meridionale”, i 60 comuni del Viterbese alla conferenza dei servizi

0

 

VITERBO – Da stamani fino al primo pomeriggio, presso la Sala Tirreno Regione Lazio, si è tenuta la conferenza dei servizi per la creazione del Distretto Turistico “Etruria Meridionale”. All’invito della Regione Lazio hanno risposto i 60 comuni del viterbese e 20 della provincia di Roma.

 

Per la Regione Lazio sono intervenute la dottoressa Elisabetta Calabri -vice direttore del settore turismo- e la dottoressa Tatiana Marchisio dello staff del vice presidente Smeriglio.

 

Per Viterbo erano presenti il sindaco Leonardo Michelini, che ha portato il saluto dell’amministrazione, e il vice sindaco Luisa Ciambella che ha presentato la relazione sul distretto e le potenzialità che esso esprime in termini di sviluppo e promozione del territorio.

 

“Il Distretto costituisce il superamento del limite politico istituzionale delle singole regioni. Questo modo di affrontare progetti culturali e turistici con una logica di area vasta, funge da moltiplicatore esponenziale delle potenzialità del territorio coinvolto. L’Etruria Meridionale, delimitata da confini naturali (il Tevere ad est, il mare ad Ovest, l’Ombrone a nord e la capitale a sud), è un contenitore geografico ricco di offerte su diversi piani, da quello culturale a quello paesaggistico, senza trascurare la ricca tradizione enogastronomica. Mettere a sistema e in rete queste ricchezze è la sfida che stiamo affrontando”, queste le parole del sindaco Michelini alla platea.

 

“Una grandissima opportunità -dice convinta la Ciambella- per tutta questa area delimitata dalla sovrintendenza anche in virtù di una omogeneità culturale sul tema degli etruschi”. La Vicesindaco ha quindi sottolineato la fondamentale capacità, dimostrata dai diversi attori istituzionali coinvolti, di saper condividere un nuovo modo di amministrare superando i propri campanili e acquisendo, in un mondo globalizzato e competitivo, un più incisivo modo di promuoversi.

 

L’idea del distretto, ricordiamolo, nasce dai successi ottenuti da Experience Etruria e dalla capacità del progetto di fare marketing territoriale.

 

“Coinvolgendo tutta l’Etruria Meridionale-continua la vice sindaco- ci possiamo proporre come brand turistico in tutto il mondo”. Tanti i risvolti positivi per i territori, per le aziende e per i cittadini. Il Distretto è infatti concepito come zona a burocrazia zero, accesso agevolato a finanziamenti di tipo nazionale e abbattimento della fiscalità per le aziende che insistono nel perimetro.

 

Luisa Ciambella, a nome di tutti, ha quindi concluso ringraziando il presidente Zingaretti e il vice presidente Smeriglio per aver sposato con entusiasmo e convinzione il progetto e per aver garantito, attraverso i loro uffici, un indispensabile supporto organizzativo. Un grande plauso è anche stato rivolto alla rete di impresa Etruscan Life che ha promosso dal basso l’ idea sollecitando i comuni a realizzarla.
L’augurio dell’amministrazione comunale di Viterbo è che tutto questo lavoro -compreso quello delle due altre regioni coinvolte (Toscana ed Umbria)- possa essere ultimato in tempo utile, cioè entro il 30 giugno prossimo.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.