“La biblioteca consorziale è salva”

0

 

VITERBO – L’assessore alla Cultura Lidia Ravera e Paolo Pelliccia (foto), commissario straordinario della biblioteca consorziale di Viterbo, hanno presentato la convenzione per la delega alla Regione della gestione e del funzionamento della Biblioteca Consorziale e del Laboratorio di Restauro già istituiti dalla Provincia. Per la prosecuzione dell’offerta di servizio pubblico la Regione Lazio ha stanziato 308 mila euro per ciascuna annualità 2016 e 2017.

“Insieme al presidente Zingaretti abbiamo pensato di consolidare il sostegno ai sistemi culturali di Viterbo e in particolare a questa biblioteca, punto di riferimento cittadino. Le biblioteche sono avamposti culturali e la cultura è un lavoro, come la direzione di una biblioteca così importante – ha spiegato Lidia Ravera – La funzione delle istituzioni è di dare certezze e garanzie Nel 2013 appena insediati abbiamo subito fatto una legge per stanziare due milioni di euro per le biblioteche del Lazio”. “La convenzione sottoscritta con la Regione dà a tutti certezze e di questo non possiamo che esserne soddisfatti – ha commentato Paolo Pelliccia – Per questo risultato, è doveroso ringraziare il presidente Zingaretti, al quale va riconosciuto il merito di aver sancito il Consorzio Biblioteche come asset culturale importante per la città di Viterbo, e l’assessore Lidia Ravera”.

Il consorzio delle biblioteche nasce nel 1973 per riunire in un’unica sede le due biblioteche cittadine preesistenti, la provinciale “Anselmo Anselmi” e la comunale degli “Ardenti”. Oltre ai normali servizi di prestito, emeroteca, videoteca e sale per ragazzi, nella biblioteca consorziale si svolgono seminari, workshop, incontri e mostre. Il laboratorio di restauro è stato istituito nel 1978 e interviene nella manutenzione, conservazione e restauro di opere mobili del territorio. Anche per questa eccellenza la Regione Lazio ha deciso di contribuire concretamente.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.