Una Viterbese spietata annienta l’Olbia per 3-1

2

Massimiliano Chindemi

 

VITERBO – Una Viterbese caparbia e capace di capitalizzare al meglio la superiorità numerica nel corso della ripresa, si impone sull’ostico Olbia con il risultato di 3-1, conseguendo così la terza vittoria consecutiva in campionato.

 

Una gara di fatto a senso unico, quella vinta dagli uomini di Nofri, che vede però l’Olbia, dopo appena tre minuti, rendersi subito insidioso con Molino, il cui destro dal limite viene bloccato in due tempi da Pini.

 

La risposta della Viterbese arriva 120 secondi più tardi con Dierna, che dopo aver raccolto una palla vagante all’altezza dei 20 metri, conclude di interno destro senza però riuscire a impensierire Van Der Want.

 

Con il passare dei minuti i gialloblù prendono possesso della metà campo, facendosi notare dalle parti del portiere ospite al 16′ con Mbaye, che prova la conclusione mancina senza però trovare il bersaglio grosso.

 

Tre minuti più tardi ed è ancora un mancino, Fè, a provare la conclusione vincente, ma il tiro del terzino sinistro viene bloccato facilmente a terra dall’estremo difensore sardo.

 

La Viterbese sale di livello e, al 22′, scalda ancora una volta i guantoni a Van Der Want, a seguito di una potente conclusione di Neglia che pecca però di angolazione.

 

Ma proprio nel momento in cui i gialloblù sembrano vicini a sbloccare la gara, l’Olbia, al 27′, riesce a conquistarsi un calcio di rigore a seguito dell’atterramento in area di Mastinu da parte di Ansini; sul dischetto si porta Molino il quale, nonostante il tocco di Pini, riesce a siglare la rete del vantaggio sardo.

 

Il rigore di Molino

Il rigore di Molino

 

I festeggiamenti sardi dopo il gol

Festeggiamenti sardi dopo il gol

 

La Viterbese reagisce prontamente, andando vicina al gol al 45′ con Belcastro, il cui colpo di testa su cross di Neglia termina però a lato della porta avversaria.

 

La squadra di Nofri chiude così il primo tempo in svantaggio di un gol ma, nel contempo, in vantaggio di un uomo, a seguito dell’espulsione rifilata a Giglio per gioco violento al secondo minuto di recupero.

 

La ripresa prende il via con una Viterbese arrembante che, in maniera fulminea, riesce a conseguire l’immediato pareggio con Cuffa, bravo ad approfittare di una assist di petto di Mbaye e a fulminare Van Der Want dall’altezza dell’area piccola.

 

I gialloblù sono scatenati e, al 6′, si rendono ancora pericolosi con Neglia, che con un bel destro costringe il numero uno sardo ad un difficile intervento.

 

Si arriva al quarto d’ora e Mbaye, con una perfetta girata di destro, colpisce a botta sicura dal cuore dell’area; ma Van Der Want, nella circostanza, è strepitoso, e con un riflesso felino devia il pallone in tuffo proprio all’altezza della linea di porta.

 

La squadra di Nofri è sempre più padrona del campo, a dispetto di un Olbia che, di contro, si chiude nella propria trequarti affidandosi solo ed unicamente alla velocità di Molino.

 

Alla luce di ciò mister Nofri prova a fornire ulteriore peso all’attacco, inserendo, al 23′, Romeo al posto di Pomante.

 

La mossa crea immediato scompiglio nella difesa sarda; uno scompiglio di cui i gialloblù approfittano prontamente, riuscendo a trovare il gol del vantaggio con Belcastro, che batte inesorabilmente Van Der Want a seguito di una sponda di Cuffa.

 

Belcastro esulta con i compagni

Belcastro abbracciato dai compagni

 

Conseguito il vantaggio, i gialloblù continuano a spingere e, al 33′, sfiorano il terzo gol con il neo entrato Selvatico, che con un gran sinistro impegna un Van Der Want decisivo in più di un’occasione.

 

I minuti finali vedono invariato il copione, con una Viterbese che, continuando a far gioco, legittima a pieno titolo il successo con il terzo gol, firmato da Mbaye a seguito di un contropiede micidiale. Una vittoria regale, quella della Viterbese, che proietta i gialloblù a soli tre punti dal vertice della classifica.

 

I giocatori della Viterbese "si mettono in posa" per i tifosi

Gialloblù “in posa” per i tifosi

 

3 Viterbese Castrense (4-3-1-2): Pini; Ansini, Pomante (23′ st Romeo), Dierna, Fè; Mbaye, Cuffa, Nuvoli; Belcastro (40′ st Dalmazzi); Neglia, Bernardo (31′ st Selvatico). A disposizione: Mastropietro, Dorigatti, Pacciardi, De Sena, Addessi, Nohman. Allenatore: Nofri

 

1 Olbia (4-3-3): Van Der Want; Cacciotti, Peana, Miceli (37′ st Aloia), Negran; Ricciardi, Streri, Falasca; Molino, Giglio, Mastinu (28′ pt Salim Ribeiro (21′ st Formuso)). A disposizione: Mazzoleni, Tricoli, Brenci, Doddo, De Cicco, Marro. Allenatore: Biagioni

 

Arbitro: D’Ascanio di Ancona (Teodori di Fermo – Lanese di Fermo)

 

Reti: 27′ pt Molino (rig.); 1′ st Cuffa; 25′ st Belcastro; 47′ st Mbaye

 

Note: al 47′ pt espulso Giglio per gioco violento. Ammoniti: Ansini, Belcastro, Miceli, Pomante, Molino. Angoli: 5-0 per la Viterbese Castrense. Spettatori: 800 circa di cui una decina gli ospiti. Giornata soleggiata. Terreno in buone condizioni. Recupero: 2′ pt – 4′ st.

 

Serie D, girone G – 14^ giornata (29/11/2015)

 

ALBALONGA – RIETI 1-2
ARZACHENA – MURAVERA 1-1
ASTREA – CYNTHIA 0-3
BUDONI – GROSSETO 0-3
CASTIADAS – NUORESE 1-2
OSTIAMARE – LANUSEI 3-0
SAN CESAREO – TRASTEVERE 0-1
TORRES – FLAMINIA CIVITA CASTELLANA 4-1
VITERBESE CASTRENSE – OLBIA 3-1

 

CLASSIFICA

 

ARZACHENA 30
GROSSETO 30
VITERBESE CASTRENSE 27
RIETI 27
NUORESE 25
OSTIAMARE 24
TORRES 23
OLBIA 22 *
ALBALONGA 21
LANUSEI 20
TRASTEVERE 18
CYNTHIA 17
FLAMINIA CIVITA CASTELLANA 15
BUDONI 13
MURAVERA 12
ASTREA 10
SAN CESAREO 7
CASTIADAS 6

 

* 1 punto di penalizzazione

 

Prossimo turno – 15^ giornata (06/12/2015)

 

ARZACHENA – ASTREA
CYNTHIA – VITERBESE CASTRENSE
GROSSETO – CASTIADAS
LANUSEI – SAN CESAREO
MURAVERA – ALBALONGA
NUORESE – FLAMINIA CIVITA CASTELLANA
OLBIA – OSTIAMARE
RIETI – BUDONI
TRASTEVERE – TORRES

Commenta con il tuo account Facebook
Share.