Esprimo grande soddisfazione per il via libera da parte del Ministero dell’Ambiente all’immissione del Coregone nel lago di Bolsena per il quinquennio 2024-2028.

Si tratta di un’ottima notizia, attesa da anni, che finalmente dà risposte concrete ai tanti pescatori e agli operatori dell’intero comparto ittico e gastronomico locale.

Il Coregone del lago di Bolsena, prelibato e famoso in tutta Italia per la sua qualità, negli ultimi anni è sempre più richiesto dal settore della ristorazione anche al di fuori della Tuscia. Il suo mancato ripopolamento nelle acque dolci di Bolsena avrebbe dunque potuto mettere in ginocchio una parte consistente dell’economia della Provincia di Viterbo.

È proprio per scongiurare questo scenario e per fare da tramite con le istituzioni sovraordinate che nei mesi scorsi la Provincia di Viterbo, Ente che ho l’onore di presiedere, ha incontrato diverse volte i pescatori della zona e le associazioni di categoria. Non posso dunque non ringraziare il Ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin per questo straordinario risultato: a lui e ai suoi collaboratori giunga il plauso mio personale e dell’intera amministrazione provinciale di Viterbo.